Fiom. Ennesima vittoria sulla Fiat: confermata la riassunzione dei lavoratori Fiom discriminati | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
sabato , 21 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Fiom. Ennesima vittoria sulla Fiat: confermata la riassunzione dei lavoratori Fiom discriminati

La Corte d’appello ha oggi confermato la sentenza del tribunale che aveva stabilito la riassunzione dei lavoratori Fiom “discriminati” a Pomigliano d’Arco.

La Corte d’appello romana ha oggi dichiarato non ammissibile il ricorso presentato dalla Fiat contro la sentenza con cui il Tribunale di Roma aveva ordinato la  riassunzione di 145 operai Fiom nello stabilimento di Pomigliano d’Arco. “I lavoratori della Fiom devono rientrare a Pomigliano e la discriminazione va sanata” ha commentato soddisfatto il segretario nazionale delle tute blu della Cgil per l’auto, Giorgio Airaudo. “Siamo già in ritardo e se Fiat non li farà rientrare chiederemo l’esecuzione della sentenza“. Il verdetto quindi è andato contro la newco  Fabbrica Italia Pomigliano (Fip), che settimane fa aveva fatto ricorso in appello contro la sentenza del Tribunale chiedendo che venisse sospesa l’esecutività dell’ordine di riassumere le 145 persone dipendenti di Fiat Group, allontanate perchè iscritte alla Fiom. Il Lingotto in tempi non sospetti aveva cercato di motivare il suo appello a causa del fatto che il personale a disposizione sarebbe stato più che adeguato a portare avanti i livelli attuali di produzione. Raggiante il leader nazionale della Fiom-Cgil, Maurizio Landini :”È una buona notizia che conferma che le discriminazioni vanno rimosse: i 145 iscritti della Fiom la Fiat li deve assumere. L’azienda- nelle future assunzioni non deve discriminare nessun lavoratore iscritto a qualsiasi sindacato. Le libertà personali vanno rispettate. A questo punto mi auguro che le forze politiche e il governo si rendano conto di quello che sta succedendo negli stabilimenti e che facciano rispettare le leggi anche alla Fiat. Il Lingotto deve davvero aprire un discorso sugli investimenti e sul mantenimento degli stabilimenti in Italia”, ha conluso il segretario dei metalmeccanici della Cgil.

VAI SULLA PAGINA FACEBOOK DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top