Fornero: "Mi criticano perchè sono donna". Tranquilla Elsa, non è per quello | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
venerdì , 21 luglio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Fornero: “Mi criticano perchè sono donna”. Tranquilla Elsa, non è per quello

Il ministro del Lavoro Elsa Fornero è intervenuta ieri al mix Festival di Cortona (Arezzo) e ne ha approfittato per togliersi qualche sassolino dalla scarpa: “Mi chiedo se mi criticano perchè sono un ministro donna”. Vogliamo rassicurarla, non la critichiamo per quello…

Povera Elsa. Prima era stata la difficile situazione economica dell’Italia a farla piangere, a pochi giorni dalla caduta di Berlusconi, oggi a turbarla sono le critiche che le piovono addosso da ogni dove. La povera Fornero però subisce in silenzio, poverina, e ha deciso di sfogarsi solo ieri, in occasione del Cortona Mix Festival, dove ha colto l’occasione per raccontare il suo stato d’animo.  ”Non avevo previsto questa situazione così difficile anche psicologicamente quando Mario Monti mi chiamò per fare il ministro del Lavoro nel suo governo. Non avevo previsto questa cattiveria“, parla di cattiveria la povera Elsa, non capendo, o meglio fingendo di non capire, che con i suoi modi cinici e strafottenti gli italiani la ritengono molto più che “cattiva”. La Fornero del resto, con la figlia assunta a tempo indeterminato e con una laurea alla Bocconi, come può pensare di comprendere i reali problemi del Paese? Al massimo ne sentirà parlare, annoiata, mentre  conferisce con manager e segretari, e magari aggrotterà anche la fronte seccata, alla fine non è colpa sua se bisogna tagliare, no? E così la povera Elsa non si capacita di tanto odio, così come gli italiani oggettivamente non riescono ancora a capacitarsi  dell’odio che il governo ha sprigionato nei loro confronti. Così il ministro in difficoltà non può che giocarsi la carta estrema, quella del femminismo vittimista:”E poi mi chiedo se tutte queste critiche non derivino anche dal fatto di essere un ministro donna. C’è una struttura di potere ancora concentrata sull’uomo, sul maschio adulto“. Povera Elsa, lei è “solo” il ministro del Lavoro, vessata e criticata perchè donna. In realtà lo sfogo della Fornero è simile a un capriccio infantile, anche per questo vogliamo rassicurarla: stai tranquilla non ti contestiamo perchè sei una donna, ma in quanto le tue politiche stanno affamando i lavoratori e perchè i tuoi modi distaccati, autoritari e privi di compassione umana ci hanno stancato, ammesso che sia ancora legittimo esternare le proprie opinioni. E forse la Fornero al posto che fare vittimismi e sostenere di venire contestata “perchè donna”, dovrebbe invece farsi un’esame di coscienza e provare a domandarsi come mai ovunque in Italia la sua scorta deve difenderla dagli improperi della folla. Tutti maschilisti assetati di sangue? . ”Vengo a cena a casa sua e parliamo, io, lei e i suoi due bambini. E sono convinta di riuscire a farle capire un pò delle nostre ragioni“: ha provato a spiegare la Fornero a un contestatore infuriato, che  sicuramente avrà provato un brivido all’idea di dover pure offrire la cena a un Ministro…Niente da fare Elsa Fornero non sembra accorgersi che i suoi modi di fare alla manager americana stridono eccome con la situazione morale ed economica della maggioranza degli italiani, cui il suo cinismo d’accatto non solo fa arrabbiare, ma suona anche come scherno.”Non replico ad Antonio Di Pietro“, ha risposto il Ministro ai giornalisti che gli chiedevano un commento sui quesiti referendari presentati dal leader dell’Italia dei Valori, due dei quali proprio sulla riforma del mercato del lavoro. Poi ritorna sulla “cattiveria”: “per esempio la cattiveria non me l’aspettavo dall’Italia dei Valori: non so quali valori ci siano nell’essere cattivi“. Eh si, il nostro Ministro del Lavoro prima taglia, e poi accusa quelli che non sono d’accordo con la sua linea di essere “cattivi”. Allora Elsa, lo reclamiamo anche noi a gran voce, siamo “cattivi” anche noi…

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top