Francia. 15enne kosovara prelevata dallo scuolabus e rimpatriataTribuno del Popolo
mercoledì , 26 luglio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Francia. 15enne kosovara prelevata dallo scuolabus e rimpatriata

Sinistra francese indignata dopo che il ministro dell’Interno francese, Manuel Valls, ha dato l’ok per l’espulsione di una studentessa 15enne kosovara mentre era su uno scuolabus. 

Ha 15 anni  Leonarda, ragazzina kosovara che è stata prelevata dalla polizia ed espulsa dalla Francia assieme a tutta la sua famiglia mentre si trovava in gita scolastica. Una polemica senza fine che ha subito travolto il ministro degli Esteri transalpino, Manuel Valls, che si è difeso sostenendo che nel caso della ragazza si sarebbe solo applicata la legge. La polizia avrebbe ordinato ai professori di fermare l’autobus per prelevare la ragazza di fronte agli occhi sbalorditi dei suoi compagni di classe. I fatti sono stati poi riportati sul giornale online Mediapart e riguardano quanto successo il 9 ottobre nell’est della Francia.  Il giorno stesso la giovane è stata messa su un aereo per il Kosovo insieme ai genitori e ai cinque fratelli. Leonarda va a scuola da tre anni e viveva con la famiglia in un centro di accoglienza per richiedenti asilo a Levier. Sembra che la famiglia Dibrani vivesse ormai in Francia da cinque anni, e la sua situazione era sul punto di venire regolarizzata. Chiaramente la questione ha sollevato un autentico polverone con i socialisti che si sono detti sotto choc per le condizioni con cui sarebbe stato effettuato il fermo. Valls non ha potuto che ordinare un’inchiesta per calmare gli animi, ma la sinistra è giustamente sul piede di guerra e a Parigi migliaia di studenti si sono ritrovati in piazza per protestare contro l’accaduto e chiedere l’immediato ritorno della ragazza in Francia. Dal conto suo Valls ha fatto sapere se l’inchiesta acclarerà degli abusi, Leonarda sarà libera di tornare in Francia. 

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top