Francia. Provaci ancora Hollande: Bocciata la tassa sui super-patrimoni | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
sabato , 22 luglio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Francia. Provaci ancora Hollande: Bocciata la tassa sui super-patrimoni

Il Consiglio Costituzionale francese ha annullato la supertassa del 75% sui patrimoni superiori al milione di euro che doveva essere introdotta nel 2013. 

Francois Hollande

Sono molti i personaggi famosi francesi che, una volta conosciute le intenzioni di Hollande di introdurre la supertassa sui patrimoni personali superiori al milione di euro, hanno minacciato di riparare all’estero. Potranno dormire sonni tranquilli ancora per qualche mese dopo che il Consiglio Costituzionale francese ha annullato la supertassa del 75% sui patrimoni superiori al milione di euro che doveva essere in teoria introdotta a partire dal 2013. Per la verità Hollande aveva ricevuto diversi apprezzamenti e consensi proprio a causa di queste intenzioni, al punto che le tasse sui ricchi previste dal presidente francese avrebbero dovuto essere il punto focale della politica economica del presidente. Il governo francese con la tassa avrebbe incassato qualcosa come venti miliardi di euro extra, che avrebbero fatto comodo anche per evitare tagli nel sociale. Chiaramente le intenzioni di Hollande hanno fatto scoppiare un vespaio, soprattutto nella comunità affarista transalpina dove colossi come la L’Oreal hanno fatto sapere di criticare fortemente il rialzo fino al 75% previsto dal governo. In realtà tale 75% doveva riguardare solamente 1500 persone e per un periodo limitato di soli due anni, avrebbe quindi rappresentato solamente un “simbolo”, un “simbolo” che però ha spaventato alcuni francesi milionari e famosi che hanno cercato subito di abbandonare il Paese per evitare di pagare le tasse. Alcuni hanno cercato di riparare a Londra, altri a Bruxelles e in Lussemburgo, tra loro l’attore famoso Gerard Depardieu, disposto persino a rinunciare alla cittadinanza francese per quella belga. Come lui anche Bernard Arnault, il boss dei beni di lusso tra i quali Christian Dior e Louis Vitton, che ha confermato sul finire del 2012 di aver optato per la cittadinanza belga. Ora torneranno indietro? Hollande però ci riproverà.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top