Germania. C'è un nesso tra l'adunata del Pegida e la morte di un giovane eritreo?Tribuno del Popolo
domenica , 22 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:
Germania. C’è un nesso tra l’adunata del PEGIDA e la morte di un giovane eritreo?

Germania. C’è un nesso tra l’adunata del PEGIDA e la morte di un giovane eritreo?

Mentre il PEGIDA, acronimo per “Patriotic Europeans Against the Islamization of the West”, è sceso nuovamente in piazza a Dresda per la prima volta dopo la tragedia dello Charlie Ebdo a Parigi,  un giovane eritreo è rimasto ucciso nel quartiere dove viveva nella stessa città. Solo una coincidenza oppure qualcosa di molto più tragico e preoccupante? 

La notizia non sembra interessare molto i media occidentali forse perchè riguarda la vita di un 20enne di colore, un rifugiato eritreo che viveva a Dresda, città tedesca che ha guadagnato ultimamente ai favori della cronaca per via delle adunate del PEGIDA, ovvero i “Patrioti Europei contro l’Islamizzazione dell’Occidente”. Si erano radunati già altre volte in tutta la Germania, anche alla vigilia della strage di Parigi, ma allora si era parlato delle loro adunate come di un flop, tranne che a Dresda, il bastione del movimento anti-immigrazione. Nella giornata di lunedì sono scese in piazza almeno 25.000 persone, e tra loro c’erano anche nuclei di hooligans, neonazisti e alti gruppi di questo tipo. Come riportato dall’ottimo sito Libero Pensiero  proprio mentre a Dresda avveniva l’adunata del PEGIDA un giovane 20enne eritreo cadeva vittima di violenza. La vicenda è stata rivelata su Facebook da Mekonnen Mesghena  che ha parlato di una strana coincidenza. Si tratta di Khaled Idris Bahray, un 20enne di origine eritrea che è stato ritrovato morto martedì mattina presto nel blocco di condomini in  Johannes-Paul-Thilman-Straße nel quartiere Leubnitz-Neuostra di Dresda, dove viveva assieme ad altri rifugiati. Secondo una prima ricostruzione il giovane sarebbe uscito di casa lunedì sera verso le 20,00 ignorando che nel mentre nel centro della città era in corso l’adunata di PEGIDA e che in passato alcuni africani avevano ricevuto delle minacce. Si trattava di una uscita di pochi minuti dal momento che il giovane ha persino lasciato il cellulare in casa, ma non ha mai fatto ritorno. Chiaramente non vi è alcuna prova che ci sia un nesso tra la sua morte e l’adunata del PEGIDA e la polizia ha cominciato le indagini anche se sarebbe da escludere che il giovane si sia suicidato o abbia subito un incidente. Una fiaccolata si è tenuta nella città sassone, in Jorge-Gomondai-Platz, con la presenza di circa 250 persone, la gente vorrebbe capire e soprattutto spera che non venga provato alcun nesso con l’adunata del PEGIDA nella quale si trovavano anche molti neonazisti. Rimandiamo alle fonti in lingua tedesca: MOPO24Süddeutsche Zeitung, Sächsische Zeitung,Die Freiheitsliebe. In lingua inglese è consultabile The Guardian. La speranza è che questa sia solamente una coincidenza anche se la sensazione è che l’Europa stia ripiombando velocemente nel suo cupo passato.

10917373_10205346721129641_7602736259562869875_n

 

Ecco una foto del ragazzo ucciso presa dalla pagina di Mekonnen Mesghena

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Un commento

  1. Grazie per aver riportato il link al mio articolo. Non tutti lo fanno, come proprio oggi il Corriere della Sera ci ha insegnato.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top