Germania. E' trionfo Merkel, crollo dei socialisti.Bene la LinkeTribuno del Popolo
mercoledì , 16 agosto 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Germania. Trionfa la Merkel, crollano i liberali, tiene la Linke

Dopo le elezioni in Germania gongola Angela Merkel che con la sua Cdu-Csu ha conseguito il 41,5% dei voti contro il 33,8% del 2009. Delusione per il Partito Socialdemocratico di Steinbrueck che si ferma al 25,7%, mentre la Linke entra nel Bundestag con un ottimo 8,5% così come i Verdi (8,3%).

Alla fine in Germania nessuna sorpresa. Angela Merkel con la sua Cdu-Csu prima delle elezioni aveva detto di aver paura di una sconfitta di misura, così non è stato e il suo partito si è laureato vincitore indiscutibile con il 41,5% dei voti contro il 33,8% del 2009, sfiorando tralaltro la maggioranza assoluta dei seggi conquistandone 311, cinque in meno della soglia minima per governare da solo. Grossa delusione invece per il Partito socialdemocratico, Spd, che ha ottenuto solo il 25,7% dei voti con lo sfidante Peer Steinbrueck, che però rispetto alle ultime elezioni ha guadagnato comunque dei voti.  ”Non abbiamo ottenuto il risultato che volevamo, anche se è chiaramente migliore di quello del 2009 ora la palla è nel campo di Angela Merkel, lei deve trovarsi una maggioranza“, ha detto Steinbrueck, ma la strada del governo sembra segnata dal momento che i liberali del Fpd, da sempre saldi alleati della Cdu di Merkel, sono rimasti fuori dal Parlamento. 

A sorridere invece è la Linke, la sinistra tedesca, che ha conseguito un dignitoso 8,5% che li fa entrare nel Bundestag al pari dei Verdi, che hanno conseguito l’8,3% perdendo tre punti percentuali rispetto a quattro anni fa. Il partito anti-euro Alternativa per la Germania (Afd) si è fermato al 4,7% non riuscendo a entrare in Parlamento, e delusione anche per i Pirati che si sono attestati al 2,2%. Alla fine il Cdu-Csu ha ottenuto 311 seggi, 192 la Spd, 64 per la Linke e 63 per i Verdi. Insomma una vittoria su tutta la linea quella di Angela Merkel con una sinistra tedesca che ne è uscita con le ossa rotte non riuscendo a convincere il popolo tedesco con una politica economica considerata troppo debole. L’Spd ha perso gran parte della sua base sociale, e soprattutto i più poveri sono ormai passati nel campo della Merkel. Buono il successo della Linke che mostra in modo chiaro che la Spd, senza dialogare alla sua sinistra, non potrà rivaleggiare contro la Merkel avendo ormai perso la sua vocazione egemonica. Ma in una Germania che ha assistito alla vittoria schiacciante di Angela Merkel ecco che il successo della Linke assume un valore ancora maggiore. Dopo aver subito una crisi di leadership che ne aveva incrinato i consensi, la Linke è ripartita riuscendo nuovamente a ottenere i consensi di settori importanti della società tedesca. Con un “no” deciso alla Nato e alle missioni internazionali, la visione anticapitalistica dell’economia, quelli della Linke hanno fatto storcere il naso a molti moderati della Spd, ma la realtà è che con una Germania che si conferma bastione moderato della Merkel, la Spd rischia di venire percepita come sempre più inutile, a tutto vantaggio di una Linke che potrebbe finire per fare da riferimento per un nuovo blocco di opposizione.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top