Germania. Xenofobia in piazza, il volto oscuro che ritornaTribuno del Popolo
mercoledì , 26 luglio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Germania. Xenofobia in piazza, il volto oscuro che ritorna

Alta tensione in Germania dove il gruppo “Pegida” (Europei Patriottici contro l’Islamizzazione dell’Occidente) ha lanciato una serie di iniziative e una adunata generale per protestare contro l’integrazione e l’immigrazione. D’altro canto la mobilitazione del Pegida ha anche fatto radunare gli antirazzisti tedeschi che hanno risposto con manifestazioni ancora più nutrite lanciando un segnale chiaro all’opinione pubblica.

La storia, come disse Marx, si presenta sempre due volte: la prima come tragedia, la seconda come farsa. In questa fase molto difficile e delicata per la tenuta sociale ed economica dell’Unione Europea le tensioni stanno aumentando esponenzialmente e si sta assistendo, in Germania come in Francia, a una crescita esponenziale e preoccupante delle estreme destre che fanno leva sui sentimenti di xenofobia della popolazione praticando e teorizzando la tristemente nota guerra tra poveri. La tensione è cresciuta particolarmente in Germania dove sostenitori del gruppo razzista del Pegida si sono radunati in varie città tedesche mentre i loro detrattori antirazzisti hanno fatto altrettanto dimostrandosi anche più organizzati e determinati. Alla fine almeno 30.000 persone sono scese in piazza in tutta la Germania secondo Associated Press, per protestare contro l’adunata xenofoba del Pegida che peraltro in Germania assume inevitabilmente un sapore particolare dato che il dominio di Hitler nacque inizialmente proprio dal populismo e dalla xenofobia.

Participants use lights on their portable phones as they take part in a demonstration called by anti-immigration group PEGIDA, a German abbreviation for "Patriotic Europeans against the Islamization of the West", in Dresden January 5, 2015.(Reuters / Fabrizio Bensch)
Manifestanti antifascisti e antirazzisti sono scesi in piazza anche a Dresda, Amburgo, Colonia, Stoccarda e Berlino nel tentativo di bloccare le manifestazioni organizzate dal Pegida. Hanno scandito frasi a favore dell’immigrazione e dell’integrazione, il tutto mentre a Dresda un gran numero di persone, forse 18.000, si sono radunate di fronte alla cattedrale per una grande manifestazione anti-Islam. I manifestanti di estrema destra hanno esposto manifesti che invitano il popolo tedesco a “svegliarsi” e a scagliarsi contro “la stampa bugiarda”, slogan già tristemente noti in Germania. Un flop invece l’adunata del Pegida a Berlino dove erano meno di 300 i cittadini che hanno aderito alla manifestazione contro almeno 5000 ragazzi antirazzisti che hanno contestato e impedito la marcia dell’estrema destra. Il Pegida è un movimento conservatore che basa il suo successo sulla lotta all’ “islamizzazione dell’Europa”e che negli ultimi mesi ha visto aumentare di molto la propria importanza tra la popolazione. I membri del Pegida se la prendono contro la multiculturalità e contro i rifugiati che arrivano in Europa fuggendo dalle guerre, l’esatto contrario degli slogan scanditi dai cittadini tedeschi accolti per contestarli, che invece fanno della solidarietà e dell’integrazione la loro bandiera. In molti però hanno molta paura dopo che il Pegida ha fatto il passo avanti di organizzare adunate a livello nazionale. In ogni caso anche le autorità hanno risposto in modo adeguato all’avvento del Pegida, basti pensare che la cattedrale di Colonia ha deciso di spegnere le luci come segno di protesta nei confronti dei manifestanti xenofobi che si sono radunati nella piazza antistante. Comunque l’unica città dove il Pegida ha fatto segnare un sostanziale successo è stata Dresda mentre anche a Colonia si parla di meno di 250 persone a fronte di un folto gruppo di cittadini antifascisti radunati per contestarli. Almeno altri 22.000 anti-Pegida si sono poi radunati tra Stoccarda, Muenster e Amburgo secondo l’agenzia DPA. Insomma anche in Germania cresce l’estrema destra xenofoba ed è un fenomeno da non sottovalutare così come non intendono sottovalutarlo gli antirazzisti e gli antifascisti tedeschi che hanno deciso mobilitazioni immediate contro la xenofobia dilagante. Inizialmente le manifestazioni del Pegida attiravano solo poche centinaia di persone ma evidentemente la sovraesposizione mediatica e il becero populismo dei suoi leader hanno visto sempre più prender piede le idee del gruppo. Un pò tutti in Germania hanno preso le distanze dal Pegida, a cominciare dalla cancelliera Angela Merkel. Il Pegida ha tentato di distanziarsi un poco dall’estrema destra neonazista provando a sostenere di essere contro i “predicatori di odio” e il “radicalismo”, ma in pochi ci hanno creduto anche se per ora i simboli neonazisti non sono stati autorizzati a rappresentare il gruppo.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top