Ginko, l’eco quartiere di BordeauxTribuno del Popolo
martedì , 23 maggio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Ginko, l’eco quartiere di Bordeaux

A nord di Bordeaux, a soli quindici minuti dal centro storico, situato nella zona di sviluppo “La Berge du Lac”, prende vita l’éco-quartier du Lac de Bordeaux, Ginko, che deve il suo nome ad una antica specie di albero che in Giappone è simbolo di resistenza e longevità.

Fonte: Oltremedianews

La linea tramviara C sembra attraversare quasi una porta spazio temporale che, da unaarchitettura romanica e gotica, conduce ad un impianto innovativo e sostenibile la cui realizzazione è stata affidata, nel 2006, a Bouygues Immobilier nell’ambito del grande progetto lanciato dalla Communauté Urbaine de Bordeaux “Bordeaux 2030, verso una metropoli sostenibile”.

Bordeaux Ginko

La sua organizzazione spaziale e la varietà delle sue attrezzature garantiscono il giusto mix di funzioni e usi, di abitanti e servizi. Su una superficie occupata di 32,2 ettari, infatti, si prevedono 2150 alloggi dei quali il 33% sono alloggi sociali, 6000 abitanti, 2 scuole, 25000 mq di uffici, una scuola di danza, 6 Km di piste ciclabili, 4,5 ettari di parco che conta più di 800 alberi e migliaia di arbusti che bene si adattano al clima e al suolo, 100% di energie rinnovabili utilizzate.

L’intera planimetria è suddivisa in lotti, ognuno con il proprio nome: per esempio c’è “Orion” la cui progettazione è stata affidata a Agence Tetrarc, con alloggi da 3 camere di superficie totale pari a 76 mq e prezzo che si aggira introno ai 320 mila euro e 5 camere con superficie totale di 97 mq e prezzo pari a 490 mila euro. Oppure c’è “Kalei” progettato daVezzoni con alloggi da 5 camere di circa 96 mq e costo pari a 308 mila euro. Ancora, c’è “So’Lac” progettato da Hessamfar & Verons con alloggi da 2 camere con superficie di 46 mq e prezzo 153 mila euro, da 3 camere con superficie di 60 mq e prezzo pari a 190 mila euro e alloggi da 5 camere di circa 95 mq e prezzo pari a 395 mila euro.
Questi sono solo alcuni esempi. I lotti sono molti di più e, a parte le differenze dovute a scelte architettoniche dei vari progettisti, si può dire che sono tutti edifici progettati per ottimizzare la luce solare e la circolazione naturale dell’aria, hanno tetti verdi e pannelli solari per la produzione di energia, operano con una rete di riscaldamento alimentata al 100% da energia rinnovabile, recuperano l’acqua piovana per riutilizzarla per l’irrigazione. Per tutti questi motivi, il 90% degli edifici è etichettato BBC Effinergie ® , ovvero edificio a basso consumo energetico.

 

 

I lavori iniziano nel 2010, i primi abitanti arrivano nel settembre del 2012, nella primavera del 2013 aprono i primi negozi, a dicembre dello stesso anno arriva la seconda tranche di abitanti, a febbraio del 2014 arriva il tram, altre 900 famiglie arrivano nel luglio del 2014, nel dicembre del 2014 riceve dal ministère du logement l’appellativo di Eco-quartiere, tra il 2015 e il 2017 arriverà la terza tranche di abitanti, la chiusura dei lavori è prevista per il 2020.
Una curiosità, in media a Bordeaux un appartamento di circa 84 mq costa 188 mila euro, uno di 94 mq costa 180 mila euro.

Maria Gerardi

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top