Giovani italiani Bruxelles: "Italia, un Paese per giovani?" | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
venerdì , 15 dicembre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Giovani italiani Bruxelles: “Italia, un Paese per giovani?”

Sono arrivato a Bruxelles da poco più di un mese e vengo messo al corrente da un’amica che in città si sta formando un movimento ragazzi che ha per nome: Giovani Italiani Bruxelles. Mi dico: “ancora con questa anti politica, che noia!”.

load

Poi vengo a sapere di una loro iniziativa che me ne ricorda subito una simile della Fgci di Torino e m’incuriosisco: un gruppo di loro ha compiuto un’azione di sensibilizzazione di fronte alle bandiere della Commissione Europea. Il media stunt ha visto le maschere dei candidati premier alle elezioni 2013 reggere uno striscione con scritto ‘Italia: un paese per giovani?’ proprio di fronte all’edificio principale della Commissione Europea a Bruxelles.

Così decido di conoscerli e capire quali obbiettivi vogliano raggiungere. Partecipo alle loro riunioni e mi spiegano che il loro intento è quello di puntare i riflettori sulla necessità di politiche concrete per i giovani italiani: sia per quelli emigrati all’estero che per quelli che rimangono in Italia.

Dichiaratamente apartitici, pongono il tema delle esigenze di tutti giovani italiani al centro della loro attività, al di là di qualsiasi schieramento politico.

Nel comunicato stampa di presentazione affermano: “Siamo un gruppo di giovani con esperienze diverse, interessati all’attuale situazione politica in Italia e in Europa. Collaboriamo per sottolineare la necessità di misure concrete che migliorino la situazione dei giovani nel nostro Paese”. “La disoccupazione giovanile in Italia e l’emigrazione all’estero – si legge ancora nella nota – stanno aumentando ad un ritmo allarmante. A gennaio 2013 si riporta che il 37% dei giovani italiani sono senza lavoro, con oltre 2 milioni che sono emigrati all’estero solo dal 2010. Siamo convinti che la nostra generazione sia ricca di talento e che, contribuendo al rilancio economico e sociale del nostro paese, sarà determinante per un cambiamento positivo”.

Per fortuna, questa volta niente anti politica, anzi un bel gruppo di ragazzi che cerca di spronare i partiti a sviluppare delle politiche giovanili serie e necessarie allo sviluppo del Paese.

Nei giorni scorsi, mi sono recato con Giovani Italiani Bruxelles a incontrare i candidati alla Camera dei Deputati del collegio Europa della circoscrizione Estero, proprio mentre veniva lanciato, attraverso internet e i social media, l’ “APPELLO GIOVANE: Una sfida per i Giovani”. Si tratta di una petizione online per fare pressione,  sui candidati e successivamente il governo eletto, affinché si impegnino a varare politiche concrete per garantire ai giovani opportunità di realizzazione professionale e personale.

Mi è parso che tutti i candidati abbiano preso atto di queste istanze; vedremo come si passerà dalla fase delle promesse elettorali e quella della loro realizzazione.

Nel frattempo, auguro ai Giovani Italiani Bruxelles di ottenere più firme possibili per la loro petizione e di usarle bene.

Andrea Stratta

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:
Link Sponsorizzati:
Scroll To Top