Giustizia. Il 31 maggio riprende il "Porketta Tour"Tribuno del Popolo
giovedì , 19 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:
Giustizia. Il 31 maggio riprende il “Porketta Tour”

Giustizia. Il 31 maggio riprende il “Porketta Tour”

L’Usb protesta a colpi di porchetta contro la spending review e le conseguenze che quest’ultima ha portato. Ad esempio la mancata erogazione dei buoni pasto nei confronti dei dipendenti dei tribunali. Primo appuntamento al Tribunale di Roma in Via Golametto alle ore 12.30.  

Riprende il “Porketta Tour”, la provocatoria iniziativa di protesta della USB Pubblico Impiego contro la mancata erogazione dei buoni pasto ai lavoratori giudiziari.

Dopo il tour del 2012 e non solo, il prossimo appuntamento è stato fissato per domani, 31 maggio, davanti il Tribunale di Roma, in via Golametto, dalle ore 12.30, dove verranno distribuiti panini con porchetta o mortadella per rifocillare i dipendenti giudiziari affamati, visto che da gennaio di quest’anno (e in alcuni territori persino da settembre 2012) sono ancora in attesa dell’erogazione dei buoni pasto.

Con questa iniziativa l’USB Giustizia intende manifestare anche contro il blocco dei contratti di tutti i lavoratori pubblici, che ha causato una rilevante perdita di salario; per la distribuzione del salario accessorio 2011 e 2012 e della retribuzione degli straordinari obbligatori del 2010.

“Ti hanno convinto che, così come stavano le cose era meglio il privato del pubblico – recita il volantino che verrà distribuito alla cittadinanza in occasione della protesta – ed hanno proseguito su questa strada al punto tale che importanti settori, come le ferrovie, le comunicazioni, il gas, la luce e pezzi consistenti di sanità, scuola, giustizia, si sono avviati in quella direzione. Pensa che nel 2005, nella sola Giustizia, eravamo 55.000 dipendenti. Oggi gli effettivi in servizio sono37.000, mentre la domanda di giustizia è più che raddoppiata anche a causa della lentezza dei processi.

Ebbene, sorge spontaneo un interrogativo: se il problema eravamo noi, così come nelle ferrovie, nelle telecomunicazioni e via discorrendo, perché i costi sono triplicati ed il servizio è ancora scadente?”(…)“Qualcuno ci risponderà: beati voi che avete un posto di lavoro! Noi replichiamo che qualcuno deve lottare per i propri diritti, perché saranno il futuro dei figli!”, conclude il volantino.

Logicamente la degustazione della porchetta diventa una provocazione, un pretesto. È ovvio che queste persone possono permettersi di comprare un panino per pranzo: il vero problema non è questo. Il vero problema sono i tagli legati alla spending review, che rendono i tribunali luoghi in cui i processi durano troppi anni, con conseguenze che vengono poi pagate solo dagli ultimi, dalla gente.

Dopo l’iniziativa di Roma, il “Porketta Tour” farà tappa davanti ai Tribunali di Cagliari, Palermo, Napoli e Torre Annunziata.

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top