"Gli immigrati ci rubano il lavoro": Falso! Ecco perchè...Tribuno del Popolo
venerdì , 26 maggio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

“Gli immigrati ci rubano il lavoro”: Falso! Ecco perchè…

La destra dilaga facendo leva sulla xenofobia e sul risentimento nei confronti degli extracomunitari che sono stati scelti come “capri espiatori” da offrire al popolo arrabbiato. Ma basta una veloce analisi per capire quanto sia falso e sbagliato dare la colpa gli immigrati..

“Ci rubano il lavoro”, “Arrivano qua per farsi mantenere”, “prendono più soldi degli italiani”: questi sono solo alcuni dei luoghi comuni sugli extracomunitari che ormai sono diventate parte del senso comune da Nord a Sud. In questo senso partito come la Lega Nord e Casa Pound ci sguazzano letteralmente ergendosi a paladini difensori dell’italianità in pericolo evocando invasioni di stranieri che però esistono solo nella loro testa. Ma in realtà si tratta solamente di razzismo che viene sdoganato per cavalcare il malcontento popolare, e proveremo a spiegarvelo utilizzando i nove punti indicati da Andrea Colasuonno su Esseblog.it..

1-“Vengono tutti in Italia”. FALSO. Gli stranieri in Italia sarebbero poco più di cinque milioni ovvero meno dell’8% della popolazione totale. Gli irregolari tanto invocati dalla destra sarebbero circa 300.000. Visto e considerato che in Regno Unito ogni anno arrivano circa 560.000 arrivi, non si tratta proprio di una invasione dal momento che l’Italia viene come numero di arrivi annuali anche dietro Germania, Francia e Spagna. Non solo, l’Italia è anche sesta per  numero di richieste d’asilo (27.800). Emerge inoltre che l’unico Paese in crescita economica, la Germania, è anche quello con più immigrati. 

2-“Li manteniamo con i nostri soldi”. FALSO. Smentito altro cavallo di battaglia della destra, gli stranieri contribuiscono al Pil dell’Italia per l’11% mentre lo Stato stanzia per loro meno del 3% della spesa sociale! Non solo, gli immigrati pagano gran parte delle nostre pensieri dal momento che l’età media dei lavoratori stranieri è 31 anni contro quella degli italiani che è di 44. I contributi versati dagli stranieri ammontano a circa 9 miliardi di euro e oggi servono a pagare le pensioni proprio a quegli italiani che vorrebbero inforcarli.

3- “Ci rubano il lavoro”- FALSO. La crescita della presenza straniera non si è riflessa in minori opportunità occupazionali per gli italiani”, parola della Banca d’Italia che ha detto come il lavoro straniero in Italia abbia in realtà colmato un vuoto creato dalla mancata crescita demografica. Colasuonno su Esseblog fa l’esempio del Veneto: “Prendiamo il Veneto. Fra il 2004 e il 2008 ci sono stati 65.000 nuovi assunti all’anno, 43.000 giovani italiani e 22.000 giovani stranieri. Nel periodo in cui i nuovi assunti sono presumibilmente nati, negli anni dal 1979 al 1983, la natalità è stata di 43.000 unità all’anno. È facile vedere allora che se non ci fossero stati gli immigrati, 22.000 posti di lavoro sarebbero rimasti vacanti“. 

4-”Non rispettano le leggi”- FALSO. Nonostante negli ultimi vent’anni il numero di stranieri sia aumentato esponenzialmente del 246% in 10 anni, dati Istat, la delinquenza non è aumentata. La Lega Nord e altri partiti continuano ad accusare gli stranieri di essere dei criminali ma nel 2007 il numero dei reati è stato simile a quello del 1991!!!!

5- “Portano l’Ebola”-FALSO. Nessun caso a oggi di ammalati di Ebola arrivati in suolo italiano dal momento che la stragrande maggioranza di immigrati che giungono in Italia arrivano dal Nord Africa o da Eritrea e Somalia e non da Liberia, Guinea e Sierra Leone.

6- “Aiutiamoli a casa loro”- FALSO. Sono anni che questa possibilità è semplicemente tramontata dal momento che l’Italia nel 2011 ha tagliato di quasi il 50% i fondi destinati a cooperazione e sviluppo stanziando la somma più bassa degli ultimi vent’anni pari allo 0,2% del Pil che ci colloca agli ultimi posti dei paesi occidentali. Nel 2013 il Servizio Civile ha messo a disposizione 16.373 posti di cui solo 502 all’estero, in sostanza il 19% di posti finanziati in meno rispetto al bando del 2011.

7-“Sono avvantaggiati nelle graduatorie per la casa”- FALSO. Anche qui ci tocca andare contro Salvini e Casa Pound dal momento che tra i parametri che si tengono in conto per l’assegnazione della casa semplicemente non si tiene conto della nazionalità ma di parametri come reddito, numero di componenti della famiglia, età, disabilità. Gli immigrati spesso e volentieri sono singoli adulti lontano da casa, ad esempio nel bando del 2009 a Torino il 45% dei richiedenti era straniero ma solo il 10% di essi ha visto assegnata una casa. Nel comune di Genova, su 185 abitazioni messe a disposizione, solo 9 sono andate ad immigrati. A Monza su 100 assegnazioni solo 22 agli stranieri. A Bologna su 12.458 alloggi popolari assegnati, 1.122 agli stranieri.

8-“Prova a costruire una chiesa in un paese islamico”- FALSO-  In Marocco i cattolici sono meno dello 0,1% della popolazione eppure ci sono 3 cattedrali e 78 chiese. Si contano 32 cattedrali in Indonesia, 1 cattedrale in Tunisia, 7 cattedrali in Senegal, 5 cattedrali in Egitto, 4 cattedrali e 2 basiliche in Turchia, 4 cattedrali in Bosnia, 1 cattedrale negli Emirati Arabi Uniti, 3 monasteri in Siria, 7 cattedrali in Pakistan e così via. Inoltre il fatto che i cristiani siano eventualmente discriminati altrove di certo non autorizza i cristiani a discriminare secondo la stessa religione cattolica. 

9- “I musulmani ci stanno invadendo”- FALSO-  I rumeni in Italia sono oltre un milione e i rumeni non sono musulmani ma ortodossi. Il secondo gruppo più consistente è quello degli albanesi che sono per il 70% non praticanti. I marocchini in Italia sono mezzo milione e poi ci sono i cinesi, circa 200.000. Dunque non c’è alcuna invasione musulmana in atto.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top