Grecia. Colpi di mitra contro Alba Dorata, tensione alle stelleTribuno del Popolo
giovedì , 25 maggio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Grecia. Colpi di mitra contro Alba Dorata, tensione alle stelle

Due neonazisti del partito di Alba Dorata sono stati uccisi a colpi di mitra fuori dalla loro sede ad Atene; un terzo è stato ferito in modo grave. Ci sono però alcuni dubbi dietro l’omicidio, con ombre pesanti che fanno temere a una vera e propria Strategia della tensione.

Si respira un brutto clima in Grecia, per la verità lo si respirava anche prima quando Pavlos Fyssas, artista antifascista, era stato barbaramente accoltellato in un locale di Atene da parte dei militanti di Alba Dorata. L’omicidio del giovane aveva messo in allarme i media di tutta Europa e il governo ellenico ha deciso finalmente di muoversi contro Alba Dorata procedendo agli arresti di numerosi vertici in quanto collusi con un progetto golpista che coinvolgeva anche diversi agenti delle forze dell’ordine. Quanto successo ieri sera inoltre rischia di infiammare ancora di più la situazione nel paese ellenico. Ieri sera infatti si è consumato un vero e proprio agguato davanti alla sede di Alba Dorata nel quartiere periferico di Neo Eraklio, ad Atene, con due killer che sono sopraggiunti in moto intorno alle 19,00 e hanno puntato le loro mitragliette Skorpion contro i tre neonazisti all’ingresso, uccidendone due e ferendone gravemente uno. A pochissimo distanza, proprio al momento dell’attacco, alcuni testimoni hanno notato un’automobile con a bordo alcune persone che forse rappresentavano un ‘gruppo di sostegno’ pronto ad intervenire nel caso in cui qualcosa fosse andato storto. Sembrerebbe una vera e propria esecuzione in piena regola, una sorta di vendetta contro le tante violenze del movimento neonazista e per l’omicidio di Fyssas, ma c’è qualcosa che non torna: quale gruppo avrebbe realizzato l’attentato dal momento che finora non si è mai verificato nulla di simile? Inoltre poco dopo l’attacco di ieri a Neo Eraklio, il parlamentare neonazista Germenis aveva denunciato che l’attentato è avvenuto poco dopo che la polizia ha smesso di proteggere la sezione presa di mira. Il governo ci ha lasciato nudi così abbiamo potuto essere uccisi” ha detto enfaticamente Garmenis all’Associated Press. “Avevamo ricevuto minacce in quell’ufficio, e avevamo informato la stazione di polizia locale. Hanno avuto poliziotti in borghese fuori dall’ufficio ogni giorno fino ad oggi”. Insomma, o gli attentatori tenevano d’occhio la sede tutto il giorno a qualsiasi ora, oppure vi era qualcuno negli apparati di sicurezza che avrebbe informato il commando che la protezione era stata tolta?

Ma non è l’unica cosa a non tornare. Per anni Alba Dorata ha goduto di una totale e vergognosa impunità potendo compiere atti squadristici in tutto il Paese e solo nell’ultimo mese a causa dell’omicidio di Fyssas la magistratura ellenica è stata costretta a colpire i vertici del partito, arrestando anche il fondatore Michaloliakos, accusato di essere a capo di una organizzazione criminale a tutti gli effetti. Subito dopo sono emerse numerose responsabilità del partito di estrema destra, e soprattutto il radicarsi del partito neonazista all’interno di esercito e polizia con tanto di ritrovamento di armi in alcuni nascondigli di Alba Dorata. Poi, qualche giorno fa, il parlamento di Atene aveva votato la sospensione del finanziamento pubblico ai neonazisti varando una legge contestata che potrebbe però venire utilizzata in futuro anche contro qualsiasi partito si dovesse rendere responsabile di attività illegali, o ritenute tali. Insomma, l’attentato di ieri ha avuto l’effetto di rafforzare in realtà l’estrema destra che in questo modo potrà fare la vittima facendo finire nel dimenticatoio tutte le violenze e le sopraffazioni fin qui fatte. L’attacco di ieri infatti darà nuova linfa ai fautori dello scontro tra “opposti estremismi”, invitando così le autorità a colpire anche l’estrema sinistra ellenica. Anche in Grecia insomma avrebbero la loro “Strategia della tensione”, e in molti pensano che dopo questo attentato per gli apparati dello stato sarà molto semplice colpire e criminalizzare i gruppi di sinistra.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top