Grecia. E ora il governo di Samaras tremaTribuno del Popolo
lunedì , 27 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Grecia. E ora il governo di Samaras trema

Scricchiola paurosamente il governo di Antonis Samaras in Grecia dopo la chiusura della tv pubblica Ert. La situazione ora rischia di scappare di mano, e gli eurocomunisti di Syriza gongolano. 

Photo Credit

La situazione rischia di scappare di mano ad Antonis Samaras, il premier conservatore del governo ellenico, il responsabile della chiusura di Ert, la Tv pubblica greca, un fatto che ha letteralmente attirato l’attenzione dei media mondiali. Qualora i due partiti che appoggiano il governo guidato dal premier votassero contro il decreto legge con cui l’esecutivo ha deciso ieri di chiudere l’azienda radiotelevisiva statale licenziandone tutti i dipendenti, il primo ministro potrebbe decidere di presentarsi giovedì in Parlamento e chiedere la fiducia. Quello di un crollo del governo Samaras quindi diventa uno scenario quantomai possibile, dal momento che proprio Samaras nelle prossime ore si incontrerà con Venizelos del Pasok e con Kouvelis di Sinistra Democratica per convincerli della necessità di firmare il decreto, rendendolo quindi operativo. Se non dovesse riuscire nel suo intento, ecco che il decreto legge seguirà l’iter normale, e domani sarà presentato alla competente commissione parlamentare che lo discuterà prima di mandarlo in aula per l’approvazione. Samaras però, forte di alcuni sondaggi che assegnano al suo partito, Nuova Democrazia, il 34% dei consensi dell’elettorato, potrebbe anche chiedere di andare a elezioni anticipate qualora Venizelos e Kouvelis volessero andare al muro contro muro. Intanto il Governo ha presentato il ddl sulla chiusura della tv di stato dicendo che non vuole più privatizzare la tv ma semplicemente ridurre il personale da 2.800 a 1.200 persone, che rimarrebbero in un ente pubblico. Sullo sfondo gongola Syriza, il partito eurocomunista di Tsipiras, che sta incanalando gran parte della rabbia dei cittadini ellenici nei confronti del governo conservatore che non fa altro che tagliare subendo i diktat della Troika.  Sulla vicenda della chiusura di Ert poi è intervenuta anche Bruxelles che ha voluto rigettare ogni accusa di ingerenza: “Non è stata la Commissione Ue a chiedere la chiusura della tv pubblica greca Ert, una decisione pienamente autonoma che va vista nel contesto di modernizzazione dell’economia greca per rendere efficiente il settore pubblico“.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top