Grecia. La rabbia dei lavoratori ferma il Paese per 24 oreTribuno del Popolo
mercoledì , 29 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Grecia. La rabbia dei lavoratori ferma il Paese per 24 ore

Grande sciopero generale di 24 ore in Grecia indetto dai due sindacati del Paese, Adedy e Gsee, che rappresentano qualcosa come due milioni e mezzo di lavoratori. 

Mentre in Italia a malapena si parla di piccoli scioperi, quasi mai coordinati, in Grecia i sindacati hanno organizzato nella giornata di oggi un grande sciopero generale di 24 ore indetto dai maggiori sindacati del Paese, ovvero l’Adedy e il Gsee, che rappresentano rispettivamente i dipendenti del settore pubblico e di quello privato per un totale di circa due milioni e mezzo di lavoratori. La piattaforma delle proteste ha organizzato la mobilitazione contro le politiche del governo che, secondo i sindacati, porterà inevitabilmente alla mobilità e ai licenziamenti di migliaia di lavoratori e all’ulteriore riduzione di stipendi e pensioni, oltre che alla distruzione di quello che resta dello stato sociale.  Gli ospedali pubblici, i centri sanitari e i servizi di previdenza sociale funzioneranno quindi con il personale di emergenza in quanto quasi tutto il personale ha aderito in massa allo sciopero .All’agitazione hanno preso parte anche i medici del Paese contro “la politica dei licenziamenti, della mobilità e della distruzione del settore della sanità pubblica“, mentre rimarranno chiuse le farmacie della Regione dell’Attica in seguito alla decisione in tal senso dell’Ordine dei Farmacisti (Fsa). Disagi anche nei trasporti con i traghetti per le isole e i trasporti pubblici che incroceranno le braccia per diverse ore, mentre anche il traffico aereo subirà ritardi e un blocco di diverse ore a causa dello sciopero dei controllori di volo. Ad Atene il concentramento principale è stato alle 10,00 in piazza Omonia con la manifestazione organizzata dal Pame, il sindacato del Partito Comunista Kke, che si concluderà con una grande marcia di protesta sotto il Parlamento in piazza Syntagma. Vi è stato anche un secondo concentramento organizzato da Adedy e Gsee per le 11,00 in piazza Klathmonos. Per effetto dell’adesione allo sciopero dei giornalisti, i quotidiani non saranno oggi in edicola. Su ordine della polizia, alcune stazioni del metrò di Atene rimarranno chiuse dalle 10 sino al termine delle manifestazioni per evitare incidenti. Si tratta di una grande risposta dei sindacati e dei lavoratori ellenici che mostrano, ancora una volta, come nelle difficoltà la Grecia sia riuscita a ricostruire un tessuto sociale di lotta assolutamente assente nel nostro Paese, dove i sindacati sono sempre più schiacciati e impotenti e soprattutto dove sembrano aver perso la fiducia di settori importanti della società. 

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top