I comunisti sudafricani rendono omaggio a Nelson MandelaTribuno del Popolo
giovedì , 27 luglio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

I comunisti sudafricani rendono omaggio a Nelson Mandela

La notte scorsa, milioni di persone nel Sudafrica, tra cui la maggioranza della classe operaia e dei poveri, insieme a miliardi di esseri umani che popolano il pianeta, hanno perso un vero rivoluzionario, il presidente Nelson Rolihlahla Mandela, “Tata Madiba”.

Fonte: Marx21.it

Comunicato del Partito Comunista Sudafricano

Il Partito Comunista Sudafricano (SACP) si associa ai sudafricani, come agli altri popoli del mondo, esprimendo le più sincere condoglianze alla Signora Graca Machel e a tutta la famiglia di Mandela per la perdita di colui che il presidente Zuma ha giustamente presentato come il più grande dei figli del Sudafrica, il Compagno Mandela.

Noi vogliamo pure approfittare di questa occasione per esprimere la nostra solidarietà con l’African National Congress (ANC), un’organizzazione che lo ha forgiato e che egli ha servito in modo encomiabile, insieme ai suoi colleghi e compagni del nostro movimento di liberazione.

Come diceva Madiba: “non sono i re e i generali a fare la storia, ma le masse, i popoli, i lavoratori, i contadini”.

La scomparsa del Compagno Mandela segna la fine della vita di uno dei più grandi rivoluzionari del 20° secolo, che ha combattuto per la libertà e contro ogni forma di oppressione, nel suo paese e su scala mondiale.

In quanto parte delle masse che fanno la storia, il contributo del Compagno Mandela alla lotta per la libertà si è collocato, e forgiato, nell’appartenenza alla direzione collettiva del nostro movimento di liberazione nazionale, guidato dall’ANC- e per questo non è stato un contributo isolato.

Nel Compagno Mandela abbiamo avuto un soldato bravo e coraggioso, un patriota e un internazionalista che, riprendendo il motto di Che Guevara “è stato un grande rivoluzionario guidato da grandi sentimenti di amore” per il proprio popolo, un tratto straordinario di tutti gli autentici rivoluzionari popolari.

Al momento del suo arresto nell’agosto 1962, Nelson Mandela non era solamente un membro del Partito Comunista Sudafricano allora clandestino, ma era anche un membro del nostro Comitato Centrale.

Per noi, comunisti sudafricani, il Compagno Mandela sarà sempre il simbolo del contributo monumentale del SACP alla nostra lotta di liberazione. Il contributo dei comunisti alla lotta per la libertà dei sudafricani è stato difficilmente uguagliato nella storia del nostro paese.

Dopo la sua liberazione nel 1990, il Compagno Madiba è diventato un grande e stretto amico dei comunisti, fino al suo ultimo respiro.

La lezione importante che noi dobbiamo apprendere da Mandela e dalla sua generazione di dirigenti, è racchiusa nel loro impegno per l’unità basata sui principi in ciascuna delle formazioni della nostra Alleanza [ANC, SACP e sindacato di classe COSATU, ndt], per l’unità della nostra Alleanza nel suo insieme, e per quella dell’insieme del movimento democratico di massa.

La sua generazione ha lottato per costruire e cementare l’unità della nostra Alleanza, e per questo noi dobbiamo onorare la memoria del Compagno Madiba preservando l’unità della nostra Alleanza.

Si ricordi a coloro che non capiscono quanto sangue sia stato versato per conservare l’unità della nostra Alleanza che non devono infangare l’eredità e la memoria di persone della tempra di Mandela, mettendo in gioco in modo riprovevole l’unità della nostra Alleanza.

Il SACP ha sostenuto l’impresa della riconciliazione nazionale di Madiba. Ma la riconciliazione nazionale per lui non ha mai significato evitare di contrapporsi alle ineguaglianze di classe, sociali nella nostra società, come certuni amano fare credere oggi.

Per Madiba, la riconciliazione nazionale ha rappresentato una piattaforma per raggiungere l’obiettivo della costruzione di una società sudafricana più egualitaria, liberata dal flagello del razzismo, del patriarcato e delle ineguaglianze più evidenti.

E una vera riconciliazione nazionale non sarà mai raggiunta in una società ancora caratterizzata da ineguaglianze che si approfondiscono e dallo sfruttamento capitalista.

In omaggio a questo grande combattente, il SACP intensificherà la lotta contro ogni forma di ineguaglianza, anche intensificando la lotta per il socialismo, sola soluzione politica ed economica ai problemi che affronta l’umanità.

Per il SACP, la scomparsa di Madiba deve offrire a tutti quei sudafricani che non hanno aderito ad un Sudafrica democratico, e che sempre in un modo o nell’altro hanno mostrato nostalgia del periodo della dominazione bianca, una seconda possibilità di inserirsi in un Sudafrica democratico fondato sul principio delle regole della maggioranza.

Facciamo appello a tutti i sudafricani affinché si ispirino al suo esempio di disinteresse, di sacrificio, di impegno e di servizio resi al popolo.

I comunisti dicono: “Hamba kahle Mkhonto!” (Riposa in pace, combattente della liberazione!)

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top