I crimini dell’Esercito italiano in Jugoslavia | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
mercoledì , 18 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

I crimini dell’Esercito italiano in Jugoslavia

A proposito del “giorno del ricordo”

smart

I dieci anni passati dalla presentazione della legge per l’istituzione del giorno del ricordo, votata poi da tutto l’arco parlamentare con poche eccezioni, non hanno certo attenuato il carattere mistificatorio di questa ricorrenza. Già la scelta della data, così vicina a quella del 27 di gennaio, giorno dell’abbattimento nel 1945 dei cancelli di Auschwitz e commemorazione a livello internazionale  delle vittime del nazismo, le tenderebbe a confondere e unificare.

In realtà il 10 febbraio 1947 il trattato di pace che fu firmato a Parigi con le potenze alleate vincitrici della guerra, considerava l’Italia sì cobelligerante contro la Germania dopo l’armistizio, ma pienamente corresponsabile della guerra di  aggressione intrapresa e per questo punita. Lo stesso testo della legge dove si parla di tutte le “tormentate vicende del confine orientale”, viene poi travisato nella realtà quando vengono solo ricordate foibe ed esodo, dimenticando proprio le guerre  di aggressione a Russia, Grecia e Jugoslavia. Tra l’altro in questi ultimi territori  i crimini italiani e fascisti non cominciarono neanche con la seconda guerra mondiale ma nel ventennio precedente al termine della prima, quando  l’Istria, regione multietnica e multilingue,  venne ceduta dall’Impero Asburgico all’Italia che impose la sua politica di snazionalizzazione fatta di persecuzioni, privazioni linguistiche e culturali verso sloveni e croati.

L’aggressione delle forze dell’asse il 6 aprile 1941 al regno di Jugoslavia a livello di vera e propria guerra non dichiarata portò alla smembramento dello stesso e all’annessione di parti del territorio occupato, abitato da popolazioni slave, con la creazione di nuove province e protettorati.

Complessivamente si stima che nei territori dei Balcani controllati dal regime fascista tra l’aprile del 1941 e il settembre 1943 almeno 350000 persone siano morte per cause connesse all’attività delle forze d’occupazione, nelle prigioni e nei  campi di concentramento gestiti dagli italiani, vittime di rastrellamenti, fucilazioni e rappresaglie antipartigiane.  Nei territori occupati 250000 furono le vittime jugoslave,  mentre almeno 100000 le vittime greche non solo della repressione diretta ma anche di una tremenda carestia alimentare causata dalla disorganizzazione dell’amministrazione italiana. Queste cifre, fornite già nell’immediato dopoguerra dalla documentazione ufficiale jugoslava, sono confermate dai dossier della Commissione per i crimini di guerra delle Nazioni Unite, raccolti a suo tempo ma solo recentemente utilizzati per la prima volta per il documentario Fascist legacy. Realizzato nel 1989 per la Bbc e acquistato dalla Rai non fu poi mai messo in onda, almeno dalla tv pubblica (caso unico al mondo, secondo la Bbc stessa, di documentario comprato e subito archiviato).

La politica di Mussolini

Dopo la prima guerra mondiale i pregiudizi antislavi presenti nella classe dirigente italiana come elementi del nazionalismo e dell’irredentismo furono ben esemplificati da Mussolini che nel 1920 disse a Pola che bisognava “espellere questa razza barbara, inferiore slava da tutto l’Adriatico” . Una volta al potere il fascismo trasformò in legge tutto questo e gli oppositori alle politiche di snazionalizzazione e discriminazione fascista furono la maggioranza dei condannati del Tribunale Speciale (di 47 condanne a morte, 36 riguardavano sloveni e croati e 26 furono eseguite).

I programmi di “bonifica nazionale” del cosiddetto “fascismo di frontiera” degli anni venti e trenta trovarono attuazione già nel giugno 1940, quando il governatore della provincia dell’Istria propose d’istituire, tra Verona e Trento, campi di concentramento per gli slavi di quelle terre sospettati di sentimenti anti italiani. Il resto lo fecero, dopo l’occupazione dei territori jugoslavi nel 1941, le truppe del regio esercito comportandosi come veri e propri colonizzatori, portatori di una presunta superiore civiltà latina.

A questa civilizzazione forzata si opposero le popolazioni dei territori jugoslavi, arrivando a una rivolta che da insurrezione armata si trasformò poi in guerra di liberazione nazionale con un forte esercito partigiano. Le truppe italiane di occupazione, insieme con le altre forze dell’asse, applicarono misure da stato d’assedio giustificando distruzioni, deportazioni e fucilazioni al fatto di trovarsi di fronte a una popolazione che, non volendosi sottomettere o farsi assimilare, veniva considerata alla stregua di barbari da punire. In queste operazioni poi gli italiani si servirono  anche di reparti di collaborazionisti come i fascisti croati ustascia o i cetnici nazionalisti serbi.

Nella provincia di Lubiana occupata e annessa dopo lo smembramento della Jugoslavia già nel settembre 1941 si applicava la pena di morte per il semplice possesso di materiale e pubblicazioni sovversive. Ogni azione partigiana prevedeva in risposta fucilazioni tra ostaggi civili. La famigerata circolare 3C del generale Mario Roatta, nella quale si leggeva che “il trattamento da fare ai ribelli non deve essere sintetizzato dalla formula dente per dente ma bensì testa per dente“ prevedeva le disposizioni su come effettuare rastrellamenti nelle zone rurali e rompere così l’appoggio popolare al movimento di liberazione. Il testo ordinava la fucilazione immediata di catturati in sospetto di essere partigiani, l’uccisione indiscriminata di ostaggi a discrezione dei comandanti impegnati nell’azione, l’internamento delle famiglie dei sospetti nei campi di concentramento, la distruzione totale delle abitazioni nelle zone interessate dalle operazioni con incendi attuati da reparti chimici, lanciafiamme, bombardamenti.

In Slovenia il totale dei villaggi distrutti  dalle truppe italiane nel luglio 1942 era di 104 e nel complesso 60000 persone, il 18% degli abitanti della provincia di Lubiana  furono deportati nei circa 200 campi di concentramento presenti su tutto il territorio italiano. Per risolvere il problema dell’italianizzazione di questa nuova provincia  l’obiettivo finale era, per il generale Mario Robotti, il trasferimento e l’internamento di tutti gli sloveni, sostituendoli con italiani, facendo così coincidere le frontiere razziali con quelle politiche.

Italiani brava gente?

In totale oltre 100000 jugoslavi conobbero la durezza dei lager di Mussolini; in quello di Kampor sull’isola di Arbe/Rab la mortalità dei civili, in maggior parte donne, vecchi e bambini, superava la percentuale del campo nazista di Dachau. Si calcola che nei lager italiani circa 12000 furono le vittime jugoslave per denutrizione, stenti, maltrattamenti e malattie. La logica, secondo il generale Gastone Gambara, era quella che “campo di concentramento non significhi campo di ingrassamento. Individuo malato=individuo che sta tranquillo”.

Nel Montenegro occupato, formalmente monarchia alleata all’Italia ma praticamente un protettotato italiano, ci fu un’immediata insurrezione alla proclamazione del regno nel luglio 1941 che portò alla cattura da parte della popolazione di oltre 4000 occupanti. La risposta che venne, i primi stermini in massa di civili, fu opera del generale Alessandro Pirzio Biroli, che in precedenza aveva esortato “ho sentito dire che siete dei buoni padri di famiglia. Ciò va bene a casa vostra, non qui. Qui non sarete mai abbastanza ladri, assassini e stupratori.”

Per vincere la ribellione nessun mezzo era eccessivo e si garantiva l’impunità per ogni azione commessa, ordinando l’uccisione di 50  civili per ogni ufficiale italiano ucciso o ferito; la norma era diventata l’eliminazione di massa, l’incendio e la distruzione d’interi villaggi.

Anche nella Dalmazia occupata divenuta provincia italiana l’italianizzazione forzata non rifuggiva dalla prospettiva di espulsioni di massa mentre grandi rastrellamenti, massacri e fucilazioni erano all’ordine del giorno. All’interno dello Stato Indipendente Croato (regno con a capo, almeno formalmente, Ajmone di Savoia) serbi ed ebrei e rom furono le vittime di una feroce pulizia etnica attuata dagli ustascia sotto gli occhi dell’alleato italiano. I nazionalisti croati furono una creatura di Mussolini fin dal 1929, protetti e allevati  in Italia in funzione del dissolvimento della Jugoslavia e alle mire imperialiste sui Balcani. Il rapporto con  l’alleato ustascia nello stato fantoccio del duce croato Pavelic dall’inizio della guerra era variato dopo che l’influenza tedesca era aumentata a spese di quella italiana. I fascisti da grandi sponsor di Pavelic non riuscendo più a dominare la situazione giunsero anche a servirsi dei cetnici serbi nelle azioni contro i civili e le formazioni partigiane.

Il caso degli ebrei dalmati non consegnati dagli italiani agli ustascia e ai nazisti, o alla protezione di popolazione serba contro la furia fascista croata, utilizzato anche nelle trattative di pace nel dopoguerra come punto a favore per l’Italia fu invece strumentale ai rapporti con i cetnici e i nazisti. L’obiettivo dei fascisti croati di eliminare ebrei e serbi dal proprio territorio venne utilizzato politicamente dagli italiani, come sempre mascherando scontri etnici come opportunità per il proprio disegno di dominio (e comunque anche tra gli obiettivi dei fascisti come dei nazisti c’era l’espulsione totale degli ebrei dal proprio territorio nazionale, tra deportazione e sterminio la differenza era solo temporale).

Non ci fu in Italia un processo di Norimberga per i criminali di guerra italiani nonostante le Nazioni Unite, oltre che le singole nazioni aggredite, avessero raccolto materiale su centinaia di italiani, a partire dal 1935 e su tutte le guerre di aggressioni fasciste, dall’Etiopia alla campagna di Russia.

Capo del governo dopo la caduta del fascismo divenne nel 1943 Pietro Badoglio, uno dei nomi della lista per i crimini commessi in Etiopia; anche altri ufficiali si riciclarono nella nuova amministrazione e le mutate condizioni geopolitche del dopoguerra fecero slittare i processi, previsti anche dal Trattato di Pace, fino a una completa estinzione.

L’immunità  che ha goduto il fascismo nel dopoguerra a livello di crimini commessi e di responsabilità personali, a differenza di quelli nazisti nei vari paesi europei, si è poi trasformato, grazie a varie complicità, in un certo revisonismo storico, in continuità col passato fascista arrivando infine al ribaltamento delle responsabillità per cui gli aggrediti diventano gli aggressori, le vittime i carnefici.

Il mito del “bono italiano” si dimostra, alla luce di tutto questo, quanto di più lontano dalla realtà storica; le politiche di occupazione fasciste nei Balcani infatti (o, tra le altre, le guerre coloniali in Africa) non si differenziarono più di tanto da quelle naziste.

La memoria selettiva di questo “giorno del ricordo” limitata alle sole foibe e all’esodo, avvallata non solo dalla destra nostalgica ma anche da forze fintamente progressiste,  dimentica le vere cause che portarono a tutto questo, la barbarie compiute dal fascismo.

Leggi anche:

———–

Bibliografia

- Brunello Mantelli  ”Gli italiani nei Balcani 1941-1943: occupazione militare, politiche persecutorie e crimini di guerra” da Qualestoria N.ro 1 “L’Italia fascista potenza occupante: lo scacchiere balcanico” Giugno 2002

- AAVV  ”Revisionismo storico e terre di confine”  Kappa Vu 2007

- Pero Morača “I crimini commessi da occupanti e collaborazionisti in Jugoslavia durante la seconda guerra mondiale” da AAVV “L’occupazione nazista in Europa” Editori Riuniti 1964

- Alessandra Kersevan “Lager italiani – Pulizia etnica e campi di concentramento fascisti per civili jugoslavi 1941-1943″ Nutrimenti 2008

- Report on italian crimes against Yugoslavia and its people  Belgrade 1946

di Ivan Serra, tratto da www.marxismo.net | da www.diecifebbraio.info

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top