I migranti e la macchina dei votiTribuno del Popolo
giovedì , 23 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

I migranti e la macchina dei voti

In molti si scagliano quotidianamente contro i migranti e il cosiddetto “buonismo a oltranza” che sarebbe tipico, a loro dire, di una certa sinistra. Inutile dire che si tratta di quegli stessi che grazie ai migranti riescono a raccogliere voti incanalando la rabbia popolare contro gruppi indifesi e redditizi di esseri umani. Il sistema che ingenera le migrazioni invece, non viene mai e poi mai messo in discussione dagli “anti-buonisti”…come mai?

Maledetti buonisti“, questa è la parola d’ordine di tutta una serie di movimenti che si scagliano contro gli extracomunitari che sono diventati, sostanzialmente, un vero e proprio capro espiatorio nazionale. Si tratta di politici di professione che gettano quotidianamente benzina sul fuoco, incanalando la rabbia e la frustrazione popolare contro una categoria di persone, quella dei migranti, che nessuno vuole difendere e che soprattutto attaccare non costa nulla. Inutile dire però che non siamo certo in difficoltà economiche per colpa dei migranti, e sostenere che milioni di italiani sono abbandonati dallo Stato perchè diamo alberghi e stipendi a diecimila rifugiati rappresenta non solo una mistificazione, ma anche una clamorosa balla. Il motivo? Semplice, negli ultimi anni sulla base dell’emergenza economica ci sono stati sottratti tutti i principali diritti. Al posto che analizzare i motivi di tutto questo, da ricercarsi nella globalizzazione voluta da qualcuno (come diceva chi era in piazza a Genova  nel 2001 a protestare), ce la si prende con gli extracomunitari, un capolavoro delle classi dominanti che, fomentando la guerra tra poveri, ricattano gli uni e gli altri, lucrando sia con gli italiani che con gli extracomunitari. Migliaia di disperati pronti a lavorare per tre euro all’ora vengono messi in concorrenza con gli italiani, e questo è sicuramente vero, peccato che gli italiani al posto che prendersela con quegli imprenditori che lucrano sugli extracomunitari preferiscono accanirsi contro l’ultimo anello della catena, forse perchè meschinamente in questo modo pensano per una volta di “poter vincere”. A vincere davvero però, cari salviniani dell’ultima ora, sono proprio quelli che voi lasciate stare, quelli che fanno milioni con i progetti assistenziali e che poi fomentano il popolino contro gli extracomunitari raccogliendo voti, unendo l’utile al dilettevole. La realtà, ci sembra, è che l’italiano medio preferisca scagliarsi contro rom, neri ed extracomnitari per scaricare la frustrazione e soprattutto perchè prendersela con i reali responsabili sarebbe troppo faticoso, e magari impegnativo. Meglio scegliere qualcuno più debole, demonizzarlo, e far pagare a lui lo scotto.

Gb

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top