Il compleanno del Jobs Act: cosa c'è da "festeggiare"?Tribuno del Popolo
domenica , 22 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Il compleanno del Jobs Act: cosa c’è da “festeggiare”?

Le controriforme del governo Renzi, in totale consonanza con le impostazione della tanto amata UE,  hanno in questi due anni cambiato drasticamente il volto dell’Italia dal punto di vista della struttura democratica e civile, smantellando pezzo per pezzo ogni singolo passaggio dell’architrave costituzionale sulla quale venne costruita la Repubblica italiana.

Se in questi giorni tiene sostanzialmente banco la proposta del governo di affossare il diritto al voto in riferimento ai quesiti referendari prossimi, preceduta dalla gravissima e reazionaria proposta della famigerata Legge elettorale denominata Italicum e della cancellazione del Senato della Repubblica, non si può dimenticare che occorre “festeggiare” l’anniversario di un’altra perla di questo Governo a guida PD quale è stata la riforma del mercato del lavoro denominata Jobs Act.

Non volendo ritornare su analisi e considerazioni che facemmo all’atto della sua entrata in vigore, credo utile, ad un anno di distanza, citare solo alcuni dati statistici riportati e analizzati da soggetti terzi, principalmente economisti,  che hanno incrociato i dati sull’occupazione e i contratti di Istat, Eurostat e Inps. Questa analisi è basata sui numeri, quindi non opinabile,  e ci dice che le nuove tipologie di contratto non hanno determinato una crescita del tempo indeterminato, che la maggior parte dei nuovi contratti è la trasformazione di una tipologia in un’altra e che il vero effetto positivo il Jobs Act lo ha avuto nel far crescere in maniera esponenziale il numero dei contratti a termine.
I dati mostrano che tra gennaio e luglio 2015, solo il 20% delle nuove assunzioni è con un contratto stabile. In particolare, le nuove posizioni a tempo indeterminato sono una minoranza la maggior parte di questi sono posizioni passate dal tempo determinato all’indeterminato.

Osservando i dati sui nuovi contratti e l’orario di lavoro si osserva che i lavori part-time sono il numero più alto. Nel corso del secondo semestre del 2015, l’incidenza del part-time involontario rappresenta il 64,6% del totale lavoro a tempo parziale. Infine, secondo l’INPS, le assunzioni con il ‘contratto a tutele crescenti’ percepiscono un salario mensile più basso dell’1,4% rispetto a chi è stato assunto prima del Jobs Act.

Altro effetto sorprendente è quello per cui, con l’entrata in vigore del Jobs Act e degli incentivi fiscali per le assunzioni diminuisce il numero di contratti a tempo indeterminato: il 63% dei lavoratori assunti nei primi nove mesi dell’anno – 158 su 253 migliaia – ha un contratto temporaneo. Gli economisti segnalano come la liberalizzazione dei contratti a tempo determinato (prima era fissato un tetto percentuale sul totale degli assunti) abbia quindi avuto più ascolto da parte delle imprese che non gli incentivi sull’indeterminato o la possibilità di licenziare.

Inoltre, sul totale dei nuovi occupati, i contratti stipulati utilizzando l’incentivo della de-contribuzione sul costo del lavoro (che costa 21mila euro di mancate entrate alle casse dello Stato), sono nove su 10.

Il fallimento del Jobs Act è segnalato dall’aumento degli inattivi. I dati Eurostat indicano un passaggio cospicuo di persone dall’inattività alla disoccupazione e numeri più bassi della media europea nella transizione tra disoccupazione e occupazione (tradotto: più gente smette di cercare lavoro che in Europa, meno gente trova lavoro che in Europa).

In un recente studio da parte di Marta Fana e Michele Raitano che compara costi e benefici di tale riforma pubblicato su “Etica ed economia” e del quale invito alla lettura (www.eticaeconomia.it), si stima che il costo lordo per il bilancio pubblico nel triennio 2015/2017 oscillerà tra i 22.6 e i 14 miliardi di euro, 11 in più di quanto previsto dal governo qualora i contratti attivati nel triennio durino 36 mesi.

A questa autentico salasso economico a carico del bilancio dello stato ed ad esclusivo beneficio delle imprese, lo stesso studio dimostra come non corrisponda praticamente nessun vantaggio dal punto di vista occupazionale, al netto della propaganda renziana finita anche sugli autobus delle principali città italiane in vista delle elezioni amministrative.

Ma il Jobs act  non è che l’ultima di una serie di riforme che mirano a liberalizzare il mercato del lavoro, senza tuttavia ottenere risultati significativi. “Dal 1997 – ricostruiscono gli studiosi – è stata gradualmente introdotta una costante e coerente serie di norme che hanno portato a un mercato del lavoro sempre più liberalizzato. Eppure, nonostante i licenziamenti più facili, i nuovi contratti temporanei e flessibili, gli incentivi alla contrattazione aziendale, le dinamiche dell’occupazione e della produttività non sembrano essere state rimodellate in modo rilevante durante il periodo delle riforme”. E il Jobs act, dalle prime analisi, non pare avere cambiato registro. Anzi.

Per questi motivi, di fronte al fallimento delle riforme epocali che hanno snaturato il diritto del lavoro scegliendo di delegare alle imprese la crescita e di svalutare l’occupazione, è necessaria una svolta radicale sia sul fronte degli investimenti che sulla regolazione del mercato del lavoro. Se le risorse date alle imprese dalla legge di stabilità avessero finanziato un serio piano di politiche attive e progetti di inserimento lavorativo, contribuito alla costruzione di un piano industriale assente in queste paese da ormai 30 anni, incentivato qualità, innovazione e formazione a lavoratori e imprese,  l’occupazione prodotta sarebbe stata più alta e di maggiore qualità.

Ma qual è poi il prezzo che pagano i lavoratori per “godere” di questa riforma?

Cosa abbiamo “lasciato” sul campo in termini di cancellazione dell’art. 18, demansionamenti, rimessa in discussione della libertà sindacale?

Riporto qui di seguito la storia di tre lavoratori, la cui testimonianza è stata raccolta da Domenico Tambasco e pubblicata su Micromega:

“Cosimo, un mite operaio di mezza età, si presenta in studio accompagnato dal figlio quasi diciottenne: mi fa tenerezza, e non riesco a capire se lo abbia portato con sé per sentirsi più sicuro o invece per aprirgli gli occhi su quello che, domani, potrebbe capitare anche a lui una volta entrato nel “nuovo” mondo del lavoro riformato.

Parla sommessamente, leggendomi i contenuti di una lettera in cui il datore di lavoro, dopo numerosi anni svolti come coordinatore dei responsabili dei servizi di pulizia ferroviari, gli comunica che a causa di“un’importante riorganizzazione che interessa tutta la struttura operativa e gestionale nell’appalto relativo alla commessa”, al fine di elaborare “una struttura organizzativa più snella con figure di responsabilità e coordinamento maggiormente corrispondenti all’assetto organizzativo previsto dal progetto di gara”, sarà adibito alla funzione di capo-squadra, pur rimanendo inalterato il suo attuale livello di inquadramento e di retribuzione.

Il che vuol dire, al di là degli aridi tecnicismi gestionali, passare da un ufficio munito di computer e telefono aziendale come responsabile del coordinamento e dell’organizzazione di tutti i referenti del deposito agli sporchi e bui corridoi dei vagoni, essendo addetto alla pulizia fianco a fianco con gli altri operai che, fino a qualche giorno prima, vedevano in lui “il capo”; il che significa, in definitiva, essere sottoposto alle dirette dipendenze di coloro che, fino ad allora, ne avevano seguito le direttive e oggi, da “capi impianto”, ne comandano le prestazioni.

Se questa “discesa agli inferi”, forse, può rinfrancare lo spirito cinico di chi ha sempre odiato i capi, di certo non ha riscontro nei colleghi di Cosimo che, nel tentativo di attenuarne il senso di umiliazione, si comportano come se lui fosse ancora il superiore: ma Cosimo, pur grato per questa inattesa ed insperata solidarietà tra colleghi, sa bene che si tratta di pietà, più che di rispetto.

Eppure questo, di per sé, sarebbe legittimo – spiego ad un attonito ascoltatore – se l’azienda fosse in grado di provare che le proprie insindacabili esigenze organizzative hanno comportato un effettivo mutamento dell’organigramma aziendale: lo prevede il nuovo testo dell’art. 2103 c.c. che, nel ridisciplinare i “mutamenti di mansioni,  autorizza con mirabile operazione di cosmesi linguistica anche i demansionamenti: l’umiliazione di Cosimo, dunque, è legalizzata a tutti gli effetti.

Se non fosse per un particolare non da poco.

Cosimo ha registrato tutta la conversazione avvenuta con i delegati aziendali durante la consegna della missiva di demansionamento: l’ascolto lascia ora attonito me, nel sentire dal vivo gli “spiriti animali del capitalismo”.

Cosimo: “Spiegami una cosa, ci conosciamo da tanti anni…..come mai mi proponete di fare il capo squadra?”

Responsabile aziendale: “In alcuni momenti Cosimo bisogna che fai la domanda e dovresti trovarti anche la risposta…” 

Cosimo: “La vorrei io da te……” 

Responsabile aziendale: “La risposta sta in determinate operazioni che sono state fatte in passato dove per noi certe figure hanno comunque una certa responsabilità e devono guidare determinate persone…..quando queste persone dovrebbero guidare e alla fine non guidano…..” 

Cosimo: “E a che cosa…a che cosa……non mi viene la parola…” 

Responsabile aziendale: “Vogliamo parlare dello sciopero che c’è stato, del blocco che c’è stato sull’impianto?” 

Cosimo: “Ecco…ecco…perché gli altri non sono venuti?” 

Responsabile Aziendale: “Vengono fatte delle scelte…..vengono fatte delle scelte…..l’azienda può fare delle scelte?”. 

Dietro l’ipocrita maschera del “mutamento di mansioni” di Cosimo, dunque, si cela in realtà la punizione per aver fruito di un semplice permesso sindacale di tre ore; dietro questo umiliante demansionamento si nasconde la vendetta antisindacale per la silenziosa manifestazione di solidarietà ai colleghi che, nell’aprile del 2015, erano scesi in stato di agitazione contro l’approvazione del Jobs Act.

Ironia della sorte, proprio le norme contro cui un anno prima aveva protestato sono all’origine del suo attuale calvario: sarà l’inizio di una battaglia legale che si annuncia lunga e piena di innumerevoli insidie.

***

Marco è un sorridente ragazzo trentenne, una volta pieno di speranze nel futuro radioso della New Economy e del mercato del lavoro flessibile.

Una volta. Perché oggi anche lui rientra nell’esercito dei disillusi dalle mirabolanti promesse di un nuovo mondo del lavoro.

E’ uno dei primi assunti “a tutele crescenti”. Lascia un posto in una delle principali aziende informatiche mondiali per sperimentare l’ebbrezza del nuovo contratto con una piccola azienda del settore metalmeccanico, che lo alletta offrendogli una retribuzione di tutto rispetto e l’incarico di vice-direttore generale.

Marco, però, è tutt’altro che sprovveduto e, avendo intuito il “bug” insito nelle “tutele crescenti”, fa inserire nel contratto di assunzione una deroga che prevede, in caso di licenziamento illegittimo, un indennizzo minimo non inferiore a dieci mensilità (invece delle misere quattro mensilità previste dalla nuova legge per i primi due anni di assunzione)

Tutto bene per alcuni mesi fino a quando, al termine dell’estate, l’azienda lo contatta con fare mellifluo, prospettando il pericolo che, al termine del periodo di prova, possa essere irrogato il licenziamento. Allo stesso tempo, tuttavia, l’inventiva datoriale partorisce una via d’uscita: la modifica del contratto di assunzione, con la decurtazione della retribuzione e l’eliminazione della clausola di deroga al minimo di indennizzo previsto dal Jobs Act.

Tutto questo viene fatto, si legge nel verbale di conciliazione, per consentire “la salvaguardia occupazionale dello stesso”.

Il patto diabolico, infatti, viene sottoscritto davanti ai conciliatori sindacali, che ratificano con noncuranza il dimezzamento del superminimo individuale (da 3.000,00 euro a 1.500,00 euro lordi), la rinuncia alle provvigioni, la rinuncia all’auto aziendale, a ogni altro fringe benefit e la rinuncia –come detto- alla deroga all’indennizzo minimo previsto dal nuovo contratto “a tutele crescenti”.

Eppure, che un contratto definito “a tutele crescenti” si traduca, a pochi mesi dalla sua sottoscrizione, nel drastico dimezzamento delle tutele sembra un vero e proprio controsenso, che solo la realtà dei fatti riesce a spiegare.

E qui entra nuovamente in gioco la “riforma” dell’art. 2103 c.c. che ha consentito, oltre al “mutamento unilaterale” delle mansioni, anche la possibilità per le parti di concordare “liberamente” la riduzione della retribuzione, dell’inquadramento e delle mansioni, qualora cio’ risponda “all’interesse del lavoratore alla conservazione dell’occupazione, all’acquisizione di una diversa professionalità o al miglioramento delle condizioni di vita”.

Che poi, in concreto, l’accordo sottoscritto da Marco si traduca, nel giro di pochi mesi, nel suo licenziamento per “giustificato motivo oggettivo”, senza alcuna possibilità di reintegra e con la sola eventualità di percepire l’indennizzo minimo di quattro mensilità, è probabilmente solo frutto della “difficile situazione congiunturale, principalmente originata dalla crisi che ha colpito l’economia italiana, cagionando una forte contrazione della domanda interna”, come recita la motivazione della comunicazione di“risoluzione del rapporto” recapitatagli al rientro dalla ferie natalizie.

***

Davide è un mio coetaneo, figlio della generazione analogica repentinamente convertita al digitale, che mi contatta attraverso Internet.

Mi manda una lunga e-mail in cui allega decine di contratti di “somministrazione a tempo determinato” sottoscritti dall’aprile 2008 al settembre 2015, che documentano il suo calvario lavorativo: oltre sette anni di lavoro precario come impiegato presso la stessa ditta – un’azienda metalmeccanica dell’hinterland milanese – con l’intermediazione di una grande agenzia di “somministrazione di lavoro” (quello che alcuni anni fa era definito lavoro interinale e, negli anni ‘60, interposizione illecita di manodopera), anni interrotti improvvisamente dall’arbitraria decisione dell’utilizzatore di non avvalersi più delle sue prestazioni lavorative.

E Davide si ritrova, nell’ottobre dell’anno di grazia 2015, agli albori del suo personale autunno. Soprattutto perché, gli rispondo, “non c’è niente da fare”.

Il Jobs Act lo ha messo in scacco matto, con una mossa degna dei migliori scacchisti.

Per i contratti sottoscritti ai tempi in cui vigeva ancora sia l’obbligo di motivazione causale (ovverosia di indicazione delle specifiche ragioni organizzative o tecnico/produttive) sia il limite temporale massimo di 36 mesi, infatti, Davide deve ringraziare coloro che hanno approvato la legge 183 del 2010: avrebbe dovuto infatti impugnare i singoli contratti entro 60 giorni dalla loro scadenza e promuovere la causa entro 180 giorni, a pena di decadenza. Cosa che ovviamente il mio “sprovveduto” coetaneo, intento a lavorare faticosamente, non ha mai né saputo né preso in considerazione prima d’ora.

Per l’ultimo contratto, invece, Davide è in tempo, ma beffardamente privo di ragioni di impugnazione: nelle more, infatti, il benevolo legislatore del Jobs Act si è premurato di eliminare non solo la giustificazione causale (oggi infatti anche la somministrazione a termine è acausale), ma anche il termine massimo di durata di 36 mesi.

Con la conseguenza, dunque, di poter essere somministrato vita natural durante, finché l’utilizzatore ne abbia voglia: come un farmaco qualunque da somministrare all’occorrenza o, meglio, come un impiegato “usa e getta”, per riprendere il titolo di una splendida inchiesta giornalistica.

La sua vicenda, come in un flash back cinematografico, mi riporta al dicembre 2014, quando tutta la stampa citava la previsione della nota agenzia di rating Moody’s, secondo cui “la riforma del lavoro porterà a un maggior ricorso alle agenzie di lavoro temporaneo, e sarà positivo per il profilo di credito dei maggiori player come Adecco e Manpower il cui ruolo nel mercato del lavoro diverrà maggiore”. Il Jobs Act, sempre secondo l’agenzia di rating, “dovrebbe migliorare i margini di profitto delle agenzie di lavoro temporaneo… la riforma offrirà alle imprese maggiori possibilità di far ricorso al lavoro temporaneo”.

E a Davide, invece, non resterà che ingrossare la lista delle persone in attesa di occupazione presso il Centro per l’Impiego.

***

Cosimo, Marco e Davide; tre storie reali, tre persone dolorosamente concrete che ci permettono, ad un anno di distanza dall’entrata in vigore del primo dei decreti attuativi del Jobs Act di andare oltre la sterile e contraddittoria propaganda delle cifre messa in scena da un tracotante Principe e dai suoi miserabili cortigiani.

E’ la dura prova dei fatti, che evidenzia il drammatico scarto tra gli affermati “mutamenti di mansioni” per l’“ottimizzazione dei servizi” e le concrete rappresaglie antisindacali, tra le virtuali “tutele crescenti” e gli effettivi dimezzamenti delle garanzie, tra la decantata flessibilità organizzativa e la miseria di una precarietà senza fine.

E’ la testimonianza di tre vicende in cui l’ordinamento giuridico difficilmente potrà riparare ai torti subiti, lasciando nell’animo di queste persone (e delle relative famiglie) un senso di profonda e sfiduciata ingiustizia.

E’ una grande “livella” che accomuna in questa nuova uguaglianza dei miseri, in questa equità capovolta non solo i nostri tre protagonisti, ma anche un intergenerazionale ed interclassista 99%.

Intanto, blindato nei suoi festeggiamenti, l’1% dei proprietari azionisti brinda ai maggiori interessi sul capitale investito derivanti dai tagli al costo del lavoro: buon compleanno Jobs Act”.

Già..Buon compleanno

Stefano Barbieri

Fonte: Marx21.it

Tribuno del Popolo

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top