Il Mondo svolta a sinistra. Parola di Zyuganov | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
giovedì , 30 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Il Mondo svolta a sinistra. Parola di Zyuganov

Secondo il leader del Partito Comunista Russo, Gennady Zyuganov, le ideologie di sinistra starebbero nuovamente prendendo il sopravvento nel mondo e in Russia.

Il Partito Comunista Russo non è un piccolo partito di duri e puri di minoranza, bensì il principale partito di opposizione a Putin in Russia. Dall’alto del suo 20% conseguito nelle ultime elezioni, Gennady Zyuganov ha guadagnato popolarità mondiale e le sue uscite non sono più relegate solamente allo scenario russo, ma vengono ascoltate con interesse in Europa come in America. Il leader dei comunisti russi ha recentemente predetto che le ideologie di sinistra, battute negli ultimi vent’anni, starebbero tornando prepotentemente sulla cresta dell’onda, nel mondo come in Russia, e soprattutto ha ammonito che se le leadership dei paesi continueranno solo a fingere cambiamenti politici, potrebbero venire rovesciate.

“Senza dubbio noi vedremo una svolta a sinistra e il movimento verso una società più giusta“, ha detto Zyuganov nel corso di una intervista a Svobodnaya Pressa (‘Free Media’). “E’ un trend mondiale che riguarderà anche la Russia“, ha aggiunto. La globalizzazione basata sulla finanza speculativa si sarebbe rispecchiata nella recessione corrente e nella crisi dell’eurozona, e questo porta Zyuganov a sostenere che andrebbe sconfitto il “mostro finanziario e le politiche sociali devono essere cambiate completamente“. Secondo la sua opinione la Russia è sempre stato un Paese di sinistra; per questo motivo Zyuganov si è detto fiducioso che i livelli attuali di ineguaglianza non dureranno per sempre. Il leader comunista ha anche aggiunto che alla crisi attuale si accompagna anche una crisi esistenziale in quanto l’umanità non si troverebbe a suo agio nel vivere in un mondo ingiusto senza ideali nè sogni, contraddistinto solo dal consumismo.

La polizia in Russia, secondo Zyuganov, dovrebbe ispirarsi a quattro principi: forza, collettivismo, spiritualità e giustizia. E per forza non intendeva uno Stato repressivo in quanto secondo lui oggi non si potrebbe ottenere nulla utilizzando metodi di polizia, anzi si è auspicato un governo che dovrebbe essere controllato attivamente dai cittadini. Ma il leader comunista è tornato anche a parlare dell’onda di proteste antigovernative che sono seguite al dicembre 2011, quando ci furono le elezioni parlamentari, da molti additate come irregolari. A quelle elezioni erano seguite imponenti manifestazioni di piazza che Zyuganov non vede tout court come negative in quanto ammette che vi presero parte molti “ragazzi intelligenti”.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top