Il Museo d'Orsay in trasferta a RomaTribuno del Popolo
giovedì , 19 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:
Il Museo d’Orsay in trasferta a Roma

Il Museo d’Orsay in trasferta a Roma

Fino all’8 giugno presso il Complesso del Vittoriano Roma presenta un piccolo riassunto del famoso ed elegante museo parigino dell’impressionismo: le Musée d’Orsay.  

Fonte: Oltremedianews

Una selezione di circa 70 opere di Monet, Van Gogh, Gaugin, Renoir ed altri autori è stata trasferita nel Complesso del Vittoriano di Roma dal Musée d’Orsay di Parigi. La mostra è sotto la cura di Guy Cogeval, presidente del museo parigino e di Xavier Rey, direttore delle collezioni e conservatore del dipartimento di pittura dell’Orsay.

Attraverso un percorso che parte dalla pittura accademica dei Salon, passando per l’evoluzione impressionista fino alle novità dei Nabis e dei Simbolisti l’Orsay offre il suo assaggio. Quadri databili dal 1848 al 1914, per narrare l’origine dell’avanguardia dai corposi colpi di colore di Monet fino alle sottili e colorate linee di Gaugin e al Simbolismo.

Il legame del Musée d’Orsay con l’Italia nasce già nel passato, infatti Gae Aulenti, donna architetto e designer italiana, fra 1980 e 1986 ha restaurato la Gare d’Orsay, antica stazione ferroviaria, capolinea della compagnia della tratta Paris-Orléans, per allestirne all’interno la collezione d’arte impressionista più famosa al mondo. Foto, disegni e progetti aprono la mostra romana con una presentazione del meraviglioso palazzo delle esposizioni francesi sulla riva della Senna.

L’esposizione nel Vittoriano presenta la poliedricità del museo francese, nato per raccogliere il periodo artistico dal 1848 al 1914 non compreso nei musei del Louvre e nel Centre Pompidou, in cui il momento di maggior evoluzione artistica francese scoppiò in una splendida mescolanza di colori, sensazioni, idee ed arte.

Il Museo d’Orsay conta fra i suoi visitatori soprattutto gli italiani, la trasferta nella capitale è stata quindi accolta con interesse dai curatori parigini che hanno cercato di ricreare fra le bianche mura del palazzo romano l’atmosfera delle vetrate dell’Orsay tramite i quadri come La rue Montorgueil di Monet, Ballerine che salgono una scala di Degas e Ragazze al pianoforte di Renoir.

Certo non i più famosi e preziosi che hanno reso noto in tutto il mondo il museo, come L’Olympia di Manet o I papaveridi Monet, ma un degno piccolo esempio per chi preferisce salire su un affollato autobus della nostra capitale, scendere a Piazza Venezia e immergersi nella Francia impressionista (e non solo) tra le mura di un palazzo conosciuto, che è sempre stato lì, spettatore di storia, passeggiate e baci appassionati piuttosto che imbarcarsi su un aereo e camminare nella fredda Parigi fino alla Gare d’Orsay, e specchiandosi nelle sue finestre ammirare la Francia in Francia.

A ciascuno il suo piccolo grande viaggio artistico.

                                                                                                                            Claudia Paccosi 

Informazioni: 

COSTO BIGLIETTI:

Intero :12.00 euro
Ridotto over 65 anni / under 26: 9.00 euro
Bambini under 6 anni: ingresso gratuito
Disabili: disabililità superiore al 75% ingresso gratuito, disabilità entro il 75% ingresso ridotto 9.00 euro

ORARIO :

Dal lunedì al giovedì 9.30 –19.30
venerdì e sabato 9.30 – 23.00
domenica 9.30 – 20.30
Ultimo ingresso un’ora prima

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top