Il Pdl cala la maschera: Chiesta la riduzione per le pene di concorso esterno in associazione mafiosaTribuno del Popolo
domenica , 22 ottobre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Il Pdl cala la maschera: Chiesta la riduzione per le pene di concorso esterno in associazione mafiosa

Il Pdl ha sorpreso tutti con una proposta choc: dimezzare le pene per il reato di concorso esterno in associazione mafiosa. Si scatena subito una ridda di polemiche ma, aggiungiamo noi, di che vi stupite?

Photo Credit

Il Pdl ha finalmente e definitivamente calato la maschera dando un senso, dopo quasi vent’anni, a tutte le insinuazioni che vedevano dei coni d’ombra tra i legami del centrodestra con la criminalità organizzata (secondo noi ovviamente se no i simpaticoni querelano). Ora potrebbe avere un senso il dato che le ultime bombe di mafia sono state fatte esplodere pochi giorni prima della creazione di Forza Italia. Cosa è successo? Nulla di sorprendente, il Pdl ha proposto di ridurre le pene per il reato di concorso esterno in associazione mafiosa, sì, avete capito bene. Chiaramente tutti, dal Pd fino a Sel e alla Lega Nord si sono detti completamente sconcertati e contrari, ma il capogruppo Pdl al Senato, Renato Schifani, ha pensato bene di fare una brusca marcia indietro: “La proposta di legge sul concorso esterno in associazione mafiosa è stata presentata dal senatore Compagna a titolo personale gli ho chiesto il ritiro tempestivo della proposta stessa ricevendone assicurazioni in tal senso“, ha detto ai cronisti di Palazzo Madama. Una giustificazione sterile anche perchè è già di per sè scandaloso che dentro il Pdl trovino spazio personaggi di questo tipo. La proposta prevedeva una condanna dimezzata per concorso esterno in associazione mafiosa. Niente carcere e intercettazioni per chi svolge attività sotterranea di supporto ai componenti dell’associazione mafiosa. Non solo, secondo il Pdl per perseguire qualcuno per mafia bisognerà pure dimostrare che ci sia un profitto. Questa la proposta di legge del Pdl firmata dal senatore Pdl Guido Compagna, presentata in commissione Giustizia del Senato dal relatore Giacomo Caliendo. Attualmente, il concorso esterno in associazione mafiosa è punito con il carcere fino a 12 anni, si capisce quindi come mai il centrodestra abbia cercato di modificare la norma. Nel caso questa ignobile proposta di legge dovesse passare il concorso esterno verrebbe derubricato automaticamente in “favoreggiamento” e questo comporterebbe una riduzione di pena da 12 a 5 anni. Poi ci sarebbe uno stop alle intercettazioni dal momento che gli ascolti saranno consentiti solamente per reati con condanne superiori a 5 anni. Ma non è finita! Coloro che supporteranno i componenti della mafia andranno incontro a una pena che andrà tra i 3 mesi e i 3 anni. Una vergogna pachidermica che mostra senza indugi la vera natura eversiva del Pdl berlusconiano. Inutile dire che questa norma ad hoc tirerebbe fuori dai guai personaggi come Marcello Dell’Utri, cui la Corte d’appello di Palermo ha inflitto una pena di sette anni di reclusione.  Noi non ci stupiamo ma almeno vorremmo chiarire un aspetto: d’ora in avanti chi difenderà il centrodestra dovrebbe anche assumersi la responsabilità indiretta di difendere il concorso esterno in associazione mafiosa. 

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO



Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top