Il relativismo al servizio del sistema dominante | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
venerdì , 21 luglio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Il relativismo al servizio del sistema dominante

Assistiamo oggi anche con il proliferare dei social network a un sostanziale impero del “relativismo”. Mancando completamente i riferimenti politici e culturali l’Occidente è in balìa di un relativismo che investe tutto tranne il sistema dominante che diventa un ordine immutabile, un pò come nel Medioevo nessuno osava mettere in discussione la natura divina della monarchia.

Il fatto che ognuno possa esprimere un proprio giudizio su qualsiasi cosa è una conquista straordinaria e sarebbe assolutamente sbagliato metterlo in dubbio. Tutto questo però avviene in un periodo, e forse non casualmente, in cui i riferimenti politici e culturali sono caduti. Tutto questo porta al lento esaurirsi di valori che si pensavano acquisiti per sempre ma che invece si stanno dissipando come neve al sole. I social network e internet permettono a chiunque di trovare notizie su qualsiasi cosa ma l’assenza di una visione comune, di un ideologia o comunque di un parametro per analizzare la realtà li rende più che altro un boomerang in quanto chiunque finirà per cercare solo quelle notizie che lo confermeranno nelle sue tesi pregresse formatisi per mille fattori come il caso, il contesto sociale e familiare di appartenenza e il ceto di ciascuno. Con la messa in discussione dei valori del passato si finisce per sostituire l’oblio alla memoria con il risultato evidente sotto gli occhi di tutti che l’umanità si appresta a commettere gli errori del passato ignorando la lezione gramsciana del “La Storia insegna ma non ha scolari”. Dire che tutto è relativo, mettere tutto nello stesso indistinto calderone dichiarando che bisogna guardare avanti è esattamente un modo di fare che rafforza il sistema sociale ed economico dominante che non verrà nemmeno più percepito come tale in quanto verrà percepito come “naturale”, un pò come i contadini del Medioevo non osavano nemmeno pensare di mettere in discussione l’autorità divina dei Re. Oggi nessuno osa mettere in discussione il sistema dominante e questo in quanto ogni riferimento alternativo, ogni visione critica, o meglio ogni accesso a queste, sono state azzerate, emarginate, silenziate. Il risultato è che tutti discutono di qualsiasi cosa dicendo la loro su dettagli che però non mettono minimamente in discussione il sistema nel suo complesso. Il relativismo al servizio del sistema dominante è quindi un’arma sottile, utilizzata per nascondere la verità tra un mare di bugie, con una massa di cittadini ormai sprovvisti degli strumenti per discernere la verità in mezzo a tante menzogne preconfezionate e diffuse dai media in modo capillare. Al posto che censurare le critiche il sistema dominante ha elaborato un sistema geniale, quello dell’estrema libertà, una libertà talmente senza freni che va, ovviamente, a tutto vantaggio di chi controlla gli strumenti di diffusione del sapere.

Tribuno del Popolo

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top