Il terrorismo colpisce anche GiacartaTribuno del Popolo
giovedì , 14 dicembre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Il terrorismo colpisce anche Giacarta

L’Indonesia è stata colpita al cuore. Secondo le prime ricostruzioni alcuni terroristi avrebbero lanciato vere e proprie incursioni a Giacarta sullo stile degli attentati di Parigi provocando sette morti, tra cui quattro degli attentatori. Gli assalitori sarebbero stati neutralizzati dalla polizia, ma ora l’area di instabilità globale si allarga. 

Già qualche tempo fa l’Indonesia era entrata nel mirino del terrorismo, poi non se ne era più parlato, fino a oggi. Alcuni attentatori hanno scatenato il caos nel centro di Giacarta lanciando vere e proprie incursioni terroristiche. Secondo le prime ricostruzioni delle autorità si sarebbe trattato di circa 10-14 uomini armati, probabilmente dell’Isis,  che hanno voluto in qualche modo imitare gli attentati che hanno sconvolto Parigi a novembre. A differenza che in Francia però fortunatamente i terroristi sono stati neutralizzati prima che potessero realizzare una autentica strage anche se uno di loro avrebbe attaccato un caffè Starbucks sparando sui presenti. Anche un centro commerciale è stato oggetto di un attacco, e la pronta reazione della polizia ha forse evitato il peggio. Alla fine il bilancio provvisorio parla di sette morti tra cui un poliziotto e quattro presunti attentatori, oltre che ovviamente un numero imprecisato di feriti. L’Indonesia è il paese con più musulmani al mondo ed in passato era divenuto un obiettivo del terrorismo islamico, al punto che le forze dell’ordine locali erano già state allertate in precedenza. Del resto in Indonesia ci sono anche molte frange di jihadisti, non a caso da tempo è stata segnalata anche in Siria e in Iraq la presenza di molti guerriglieri indonesiani. Si tratta del primo attacco terroristico avvenuto in Indonesia dopo quello contro gli hotel Marriott e Ritz nel 2009. Il timore è che lo Stato Islamico intenda alimentare instabilità anche nel Sud-Est asiatico, il che significherebbe aprire un altro focolaio oltre a quello che continua a divampare in Medio Oriente.

Photo Credit

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top