Il volto strafottente dei furbetti | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
sabato , 27 maggio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Il volto strafottente dei furbetti

In questa campagna elettorale il Pdl le sta provando tutte per riaprire i giochi. I personaggi più arroganti e strafottenti sono stati sguinzagliati in tutti i programmi televisivi, certificando così una distanza con il Paese reale che rasenta il parossismo. Dalla Comi fino alla bufala di Fratelli d’Italia, passando per il fanatismo anticomunista di Berlusconi, tutto il peggio dell’Italia si riassume in un partito…

bandiere_pdl

Quando un animale è ferito e si rintana nell’angolo, è quello il momento in cui fare più attenzione. Come una belva impazzita infatti, l’animale ferito si lancia contro chiunque, cercando di sopravvivere. Stiamo parlando di Silvio Berlusconi, lo stesso personaggio che ha annichilito il nostro Paese, mettendolo in ginocchio. Il pdl per recuperare il gap di dieci punti percentuali questa volta ha sguinzagliato i personaggi peggiori, si tratta di volti nuovi e vecchi, sapientemente mixati per fare quello che sanno fare meglio: gli squadristi televisivi. Ignazio La Russa non ha bisogno di presentazioni, con il suo partito civetta “Fratelli d’Italia” creato assieme ai volti “nuovi” Crosetto e Meloni, ne ha bisogno invece la Comi, astro nascente 29enne del Pdl, uno dei personaggi su cui sta puntando alla grande il centrodestra italiano.  La Comi, viso pulito e giovane, look sportivo, si presenta nelle trasmissioni televisive con un ghigno strafottente stampato in volto. Sbeffeggia i suoi interlocutori, vedi Ingroia e Vendola, sembrando quasi una Berlusconi in gonnella. Sbandiera i suoi studi alla “Bocconi” e alla “Cattolica” come se fossero delle medaglie al lavoro, come se essersi laureata in cotanti atenei la elevi a essere superiore rispetto alla massa dei poveri cives; come se essersi laureato nella stessa facoltà del Professore la autorizzi, inevitabilmente, a possedere la verità in tasca. Diffamazione, strafottenza, mistificazione della verità, sono le armi che vengono insegnate ai bastonatori di Arcore, inviati nelle televisioni per intorbidire le acque della politica. Si tratta dell’Italia peggiore, quella che in cuor suo guarda con un sorriso al fascismo e all’evasione fiscale, quella che, in fondo in fondo, pensa che la mafia sia meglio dei comunisti. Si tratta di persone che non si riconoscono nella Costituzione, di persone che pensano che il comunismo sia la peggiore ideologia della storia, ammettendo indirettamente quindi di preferire in vece sua il nazismo. Peccato che Marx il 99% degli elettori del Pdl non lo abbiano mai letto, semmai intuiscono che se si dovesse costruire una società giusta, ciò avverrebbe a loro discapito. Capiamo quindi il loro odio, e ne andiamo orgogliosi.

Il Tribuno

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top