In costruzione l’Asse Grecia – Russia? 2.0Tribuno del Popolo
mercoledì , 26 luglio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

In costruzione l’Asse Grecia – Russia? 2.0

Il 31 gennaio 2015, sempre su questo blog, scrivevo: “Sia che voglia rimanere parte integrante dell’Unione Europea,  sia che voglia far le valigie, la Grecia sa che non può privarsi dei rapporti economici con la Russia“. E ancora:  “Senza le dovute coperture alle spalle, un qualunque attacco a Bruxelles rischierebbe di ritorcesi contro la Grecia stessa. Aspettarsi quindi che in qualche giorno Tsipras risolva i problemi del paese e dell’euro, quasi come se avesse una bacchetta magica, è impensabile” [1].
A distanza di circa 5 mesi i rapporti tra Mosca ed Atene hanno subito una decisa accelerata.
Già ai primi di aprile, in un viaggio in Russia, il primo ministro greco aveva ribadito la sua contrarietà alle sanzioni volute da Bruxelles verso Mosca [2].
Con l’ultimo incontro avvenuto nelle scorse ore tra Alexis Tsipras e Vladimir Putin al Forum Economico di San Pietroburgo, in Russia, è possibile affermare che siamo di fronte ad un cambiamento nei rapporti di forza tra Unione Europea e Russia. Per non lasciare spazio a più o meno corrette interpretazioni, riporto qui di seguito quanto detto dal primo ministro ellenico [3]:

Siamo nel bel mezzo della tempesta, ma siamo un popolo capace di gestire il mare e la tempesta non ci spaventa, né la possibilità di scoprire nuovi oceani e raggiungere porti più sicuri

Risulta evidente da queste parole la volontà del governo greco di non voler chiudere nessuna porta. Tsipras ha poi proseguito il suo discorso definendo la Russia come “un’amica storica” della Grecia.
Non si può non citare inoltre l’appena confermato Turkish Stream, il gasdotto che partirà dalla Russia per giungere in Grecia, passando sotto al Mar Nero e sul territorio turco [4]. Il Cremlino ha già confermato che questo progetto verrà finanziato con un prestito pari al 100% dell’importo del gasdotto [5].
Sempre a San Pietroburgo Alexis Tsipras e Panagiotis Lafazanis, il ministro dell’Energia, hanno incontrato una delegazione della “New Development Bank” [6], la nuova banca fondata dai BRICS (nascerà ufficialmente il 7 luglio e avrà sede a Shanghai, in Cina [7]).
Incontri questi che dimostrano la volontà del governo greco  di non voler perdere, per nessuna ragione, il treno per il futuro.


[1] https://cercareilvero.wordpress.com/2015/01/31/in-costruzione-lasse-grecia-russia/
[2]http://www.repubblica.it/economia/2015/04/08/news/grecia_fmi_debito_russia-111437464/
[3] http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/06/19/grecia-da-san-pietroburgo-tsipras-avverte-europa-non-e-centro-del-mondo/1795284/
[4] https://pbs.twimg.com/media/CH3uetRWIAAbtC5.jpg
[5] http://www.ansa.it/sito/notizie/economia/2015/06/19/intesa-grecia-russia-su-gasdotto_4783c164-e395-4fed-80e9-df1dff178a32.html
[6] http://www.primeminister.gov.gr/english/2015/06/18/prime-minister-alexis-tsipras-meetings-in-st-petersburg/
[7] http://tass.ru/ekonomika/2051845

Davide Busetto

Fonte: https://cercareilvero.wordpress.com/2015/06/19/in-costruzione-lasse-grecia-russia-2-0/

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top