Ingroia. "Lo sbarramento non ci fa paura" | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
venerdì , 26 maggio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Ingroia. “Lo sbarramento non ci fa paura”

Antonio Ingroia ha dichiarato questa mattina di non aver paura di non superare lo sbarramento. Nonostante la scarsa attenzione da parte dei media il sondaggio Piepoli ha dato la sua lista, Rivoluzione Civile, al 5%. Per entrare in Parlamento la lista di Ingroia dovrà superare il 4%.

INGROIA: DE MAGISTRIS,ALLO STATO NON IMMAGINO INTESA CON PD

Nessuna paura dello sbarramento. Vedo molto entusiasmo intorno a me. I sondaggi ci danno al 5% ed esistiamo da una settimana”: così Antonio Ingroia, che recentemente ha lanciato la sua lista “Rivoluzione Civile” in vista delle prossime elezioni politiche, ha voluto commentare la situazione politica del momento. Non ha nascosto un vivo ottimismo l’ex procuratore antimafia di Palermo, circondato da un entusiasmo a tratti trascinante che nell’ultima settimana ha lanciato Rivoluzione Civile su scala nazionale. “La gente  ancora neppure sa che ho sciolto la riserva. Poi certo, qualsiasi formazione nuova, che parte come noi cosi’ tardi, non parte col bottino sicuro”, ha detto Ingroia ai giornalisti di “La Repubblica” con una buona dose di realismo. E per quanto riguarda le alleanze cosa farà la lista di Ingroia ? Assieme al magistrato infatti vi sono anche alcuni piccoli partiti come i Comunisti Italiani di Oliviero Diliberto, l’Italia dei Valori di Antonio di Pietro, e Rifondazione Comunista di Paolo Ferrero. Un progetto di ampio respiro dunque, un progetto autonomo ma che, a differenza del Movimento Cinque Stelle di Beppe Grillo, autoreferente per vocazione, ha lasciato la porta aperta al Pd. Per il momento Bersani e soci hanno nicchiato, ma Ingroia è paziente e ha indicato a “La Repubblica” i punti fermi del suo movimento, ovvero “l’alternativa al berlusconismo e al montismo.Non demonizziamo Grillo come antipolitica  e non demonizziamo Bersani come partitocrazia. Vogliamo confrontarci sui contenuti. Da parte del Pd mi sorprenderebbe che chi ieri stava con Monti e oggi lo critica domani rifa’ l’accordo elettorale con lui. Gli elettori non capirebbero”, ha aggiunto.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Quanto alle possibili alleanze, Ingroia indica i “punti fermi”, ovvero  .

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top