Intervista a Osama Saleh del comitato "Giù le mani dalla Siria" | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
lunedì , 23 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Intervista a Osama Saleh del comitato “Giù le mani dalla Siria”

Pubblichiamo l’intervista realizzata da Michele Michelino a Osama Saleh, del comitato “Giù le mani dalla Siria” per aiutare a farci comprendere meglio quello che sta accadendo a Damasco.

siria_bombardamento

D. I mass media italiani stanno facendo una campagna di disinformazione a sostegno dei “ribelli” contro il governo siriano. Qual è la situazione reale in Siria al 30 gennaio 2013?

R. Vi comunico le ultime notizie. Ieri, 29 gennaio, ad Aleppo, nella zona di Bustan al-Qasr sulla riva del fiume Queiq è stato scoperto un massacro terribile in cui sono morti circa 80 civili. L’opposizione ha negato, come sempre, gettando la colpa sul governo siriano anche se ci sono prove che il governo non c’entri nulla.

D. Tuttavia la televisione e i giornali italiani hanno dato molto spazio a quest’avvenimento: come lo spieghi?

R. Sono stati i terroristi che hanno fatto questo massacro, un massacro molto crudele; anche ieri a mezzogiorno in un villaggio a est di Homs, la città dalla quale provengo, sono entrati circa duemila terroristi, hanno invaso il villaggio che si chiama Al-Almeriyeh, abitato da siriani favorevoli al governo, quasi tutti cristiani e alauiti. Gli abitanti erano minacciati da una settimana dagli estremisti islamici e avevano chiesto all’esercito siriano di aiutarli ad affrontare questi attacchi.
La popolazione è riuscita ad evacuare quasi tutte le donne e i bambini nei villaggi vicini per lasciare solo gli uomini.

I terroristi, quelli che dicono di volere la “democrazia“, sono entrati nel villaggio e hanno massacrato 55/60 persone e ferite altre 100. Con lanciarazzi e mitragliatrici hanno distrutto il paese, bruciato le case e poi, non contenti, hanno tagliato anche tutti gli alberi di ulivo e li hanno portati via. Questo significa che adesso la guerra in Siria non è più una guerra contro un “regime” (per usare un loro termine), o contro il governo di Bashar Assad, ora è contro qualsiasi persona libera.

Se i nostri media hanno parlato unicamente della strage avvenuta ad Aleppo è perché si prestava all’ambiguità e per far credere che le vittime fossero degli oppositori (cosa che subito si è rivelata falsa) e i carnefici i militari siriani, mentre nel caso di Homs questo non era possibile visto che la zona è tradizionalmente abitata da filogovernativi.

D. Tu sei siriano: da quando sei in Italia?

R. Sono qui da circa 12 anni. Non mi sono mai occupato attivamente di politica prima, ma visto che il mio paese subisce una forte aggressione esterna ho sentito il dovere di intervenire contro le bugie dei media italiani con informazioni dirette, poiché posso portare la testimonianza del mio paese in prima persona, attraverso quanto mi raccontano i miei parenti e vicini, riporto le loro notizie non filtrate, non mi affido ai TG.

Faccio parte del Comitato contro la guerra di Milano e insieme stiamo facendo una battaglia per contrastare le menzogne e portare un altro punto di vista su quello che succede in Siria. Le bugie quotidiane che l’imperialismo ogni giorno s’inventa servono solo a giustificare un suo intervento nel territorio.

D. Tu che lavoro fai, hai famiglia?

R. Lavoro nel campo dell’edilizia, sono un piccolo imprenditore, sposato con un’italiana e ho un bambino di 4 anni.

D. Che tipo di guerra si sta combattendo in Siria?

R Si sta combattendo una guerra internazionale fatta sul territorio siriano. Non è una guerra del popolo per cambiare il governo o il “regime assassino” come sostengono i paesi imperialisti. Dal 2000 al 2012 sono state costruite o restaurate 8000 scuole, 40 università, 6000 ospedali e cliniche, oltre 10.000 moschee e 500 chiese e nel febbraio 2011 era stato emesso un decreto per restaurare 10 antiche sinagoghe. Sono stati aperti 20 giornali indipendenti e 5 stazioni televisive. La Siria è uno stato laico, ma ora c’è un gruppo di assassini, estremisti che vogliono far cadere il governo laico siriano.

D. Cosa pensi del ruolo e dell’intervento degli Stati Uniti e dell’Europa nella guerra in Siria?

R. La politica aggressiva dell’America e della Francia non è un fatto nuovo che arriva ora. C’è sempre stata. Noi siriani ricordiamo bene cosa accadeva negli anni ’80: l’aggressione contro la Siria è datata. Adesso hanno solo alzato il tiro, hanno circondato ancor più il paese. La guerra c’era già. Nel 2003 quando questi paesi hanno fatto la guerra contro l’Iraq, gli Usa volevano attaccare anche la Siria, perché non aveva dato il “giusto” supporto.

D. Molti si chiedono, viste le continue minacce del governo israeliano, come mai la Siria non ha mai fatto azioni di guerra?

R. Noi siamo in guerra con Israele da molto tempo. Siamo l’unico paese ad aver aiutato il popolo palestinese. Noi non abbiamo mai montato una tenda sul nostro territorio per i nostri fratelli e amici, ma li abbiamo ospitati nelle nostre case.

Dal 1915 con la guerra della Turchia contro gli Armeni, abbiamo ospitato i perseguitati. Abbiamo accolto 2 milioni di profughi iracheni, senza nessuna tendopoli. Adesso stanno montando una campagna stampa di menzogne per 40 o 50 o 100mila profughi con immagini che girano il mondo, solo per rubare più soldi.

D. Sulla guerra in Siria ci sono varie interpretazioni. Come si può definire la guerra in corso: “guerra civile”, “guerra di liberazione” o “intervento imperialista” attraverso le bande armate di mercenari?

R. L’America per riuscire a combattere Al Qaeda deve creare un’altra Al Qaeda; questo è un esempio molto diffuso nel mondo arabo. Infatti, hanno creato un nemico che non esiste, un nemico che si chiama “sciiti”, Iran. Per riuscire a creare una guerra religiosa: è facile come bruciare la paglia. I siriani hanno sempre vissuto insieme e sono un popolo con una convivenza rara. La prima cosa che ha fatto l’America è stata quella di fomentare l’odio religioso nella comunità, e questo ha portato a scontri, ma non c’è una guerra civile. C’è una guerra per procura realizzata foraggiando questi estremisti. Non ci sarà mai una guerra civile, perché noi siamo un popolo che ha l’80% della popolazione sotto i 30 anni, di cui il 70% è laureato. I siriani sono un popolo molto, molto colto.

D. Come si manifesta la solidarietà con il popolo siriano?

R. La solidarietà nel mondo ha sempre due facce. Quando c’è la guerra questa si concentra su tutte e due però devo dire che la Siria non è come la Libia, non è come l’Egitto, è un discorso a parte. Da un lato ci sono l’Occidente con America, Israele e petromonarhie del Golfo che, con il pretesto delle solidarietà e dell’emergenza umanitaria destabilizzano il paese e sostengono gli jihadisti; dall’altro Russia, Iran, Sud America, Cuba, India e Cina. Questi paesi sono sempre stati a fianco del governo e del popolo Siriano.

Hanno dipinto questi paesi come il male perché sono a fianco del governo siriano, però hanno dimenticato che sono le sanzioni di America ed Europa a colpire il 99,99% del popolo: è questa la loro democrazia. A questi paesi voglio solo dire che la democrazia non si trasporta mai e che il popolo siriano ha il diritto di scegliere da solo del proprio futuro.

Michele Michelino http://www.marx21.it/internazionale/medio-oriente-e-nord-africa/21752-intervista-a-osama-saleh-del-comitato-qgiu-le-mani-dalla-siriaq.html

Anteprima di nuova unità, (RIVISTA COMUNISTA DI POLITICA E CULTURA)

Intervista pubblicata sul sito del Centro di Iniziativa Proletaria “G. Tagarelli
Via Magenta 88 Sesto San Giovanni (Mi)
email: cip.mi@tiscali.it
web: http://ciptagarelli.jimdo.com

 VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top