Iran. Accordo sul nucleare più vicino?Tribuno del Popolo
lunedì , 27 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Iran. Accordo sul nucleare più vicino?

In teoria l’accordo sul nucleare tra Iran e le potenze mondiali sarebbe ormai alle porte. Ma mentre a Vienna i ministri degli Esteri lavorano senza sosta per un’intesa il Medio Oriente è infiammato dalla guerra. Se l’accordo arrivasse davvero ecco che cambierebbero tutti gli equilibri geopolitici della regione, con conseguenze imprevedibili, per questo il suo esito è tutto tranne che scontato. 

A Vienna si lavora alacremente per trovare un accordo che sarebbe storico tra Iran e le potenze mondiali circa il progetto nucleare della Repubblica Islamica. Il Financial Times ha detto chiaramente che l’accordo sarebbe ormai imminente, eppure non è possibile lasciarsi andare più di tanto all’ottimismo per diversi motivi dal momento che la questione è talmente delicata da condizionare il futuro e il presente dell’assetto geopolitico del Medio Oriente. L’ultimo nodo da sciogliere per il raggiungimento di un accordo ufficiale è quello delle ispezioni ai siti militari dell’Iran, ma è probabile che potrebbe anche non essere l’ultimo ostacolo prima del traguardo. Se l’accordo arrivasse infatti sarebbe una grande vittoria diplomatica per Teheran che sarebbe a questo punto in grado di rilanciare la politica interna e soprattutto quella esterna. Anche il Financial Times sembra essersi accorto della questione, e infatti l’intero assetto geopolitico della regione dipende dall’esito di questa trattativa.

La questione però è resa molto più complicata dal fatto che gli storici alleati degli Stati Uniti, Israele e Arabia Saudita, sono fortemente contrari al raggiungimento dell’accordo. I sauditi sono largamente coinvolti nella destabilizzazione della Siria e nella lotta più ampia che sta prendendo piede tra sunniti e sciiti, mentre per Israele Teheran rappresenta uno storico rivale da combattere ad ogni costo. La Casa Bianca comunque sembra voler bruciare le tappe e vorrebbe presentare i termini dell’accordo al Congresso entro pochi giorni. Dopo mesi di discussioni insomma, per quanto l’accordo non sia ancora certezza, sono stati fatti passi avanti significativi. I punti sul tavolo a detta del Financial Times erano tre, e ben due sarebbero finalmente stati superati. Una volta che si troverà la quadra anche sulle ispezioni militari internazionali,. ecco che potrebbe nascere una nuova era nei rapporti diplomatici internazionali con l’Iran che uscirebbe in parte dall’isolamento.

Attualmente l’Iran è ampiamente coinvolto dai conflitti che infiammano paesi vicini e alleati come la Siria di Assad e l’Iraq a guida sciita che sono stati colpiti duramente dal terrorismo dello Stato Islamico. Non capire che l’accordo sul nucleare si inserisce all’interno dello scacchiere di quella che può tranquillamente essere definita una “Guerra Mondiale Araba” significa non comprendere quali sono le reali aspettative delle parti. Le conseguenze di un Iran rafforzato dall’accordo sarebbero apparentemente sfavorevoli agli interessi americani. Ma forse alla Casa Bianca cercano qualcuno che possa effettivamente fermare l’Isis dopo averlo sin qui sostanzialmente assecondato, e solo Teheran sembra avere le adeguate motivazioni per conseguire questo obiettivo.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top