Iran. Aperti colloqui sul nucleare a Teheran | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
martedì , 17 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Iran. Aperti colloqui sul nucleare a Teheran

Con il Medio Oriente in fiamme la delegazione dell’Aiea si è recata a Teheran per discutere riguardo alle ispezioni nella base militare iraniana di Parchin riguardo al controverso programma nucleare della Repubblica Islamica.

Carta-fisica

Svolta in Iran dopo che la delegazione dell’Aiea si è recata a Teheran per discutere di eventuali ispezioni nella base militare di Parchin. Il pomo della discordia è il programma nucleare iraniano, che a Teheran giustificano per motivi civili e che invece l’Occidente addita come un tentativo di dotarsi di armi nucleare. Fino a oggi Teheran ha sempre rifiutato di far visitare il sito di Parchin, provvedendo ad alimentare dubbi e perplessità. L’Aiea sospetta infatti che il sito venga utilizzato da anni come un luogo di test per i componenti con cui realizzare un’arma nucleare. Se Teheran dovesse concedere agli ispettori la possibilità di visitare Parchin, verrebbe sicuramente compiuto un passo importante verso la distensione e la pace.  La Repubblica Islamica comunque, continua a negare costantemente che il suo programma nucleare abbia implicazioni militari; quando l’Iran ha cominciato il suo programma scientifico nucleare negli anni Settanta, l’Occidente ha aiutato fornendo materiali e tecnologia. Nel 1979 le cose sono cambiate radicalmente con la Rivoluzione Islamica, quando comprensibilmente l’Occidente ha cambiato idea, voltando le spalle a Teheran. Dal conto suo l’Iran crede che questa tensione sia stata fabbricata ad arte con l’unico intento di demonizzarli agli occhi della comunità internazionale. Mancano infatti prove incontrovertibili che l’Iran stia costruendo armi nucleari, tuttavia la comunità internazionale si comporta come se invece ci fossero, per non parlare dei due pesi e due misure di quando Israele, in modo unilaterale, si è munito di testate nucleari senza incorrere in nessuna sanzione. Teheran continua a sostenere che l’impianto di Parchin sarebbe niente altro che un complesso militare di tipo convenzionale e che non abbia nulla a che fare con il programma nucleare. Sarebbe però un complesso segreto, per questo fino a oggi è stato sempre vietato agli ispettori di visitarlo.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top