Iran. Israele e Stati Uniti ormai sono pronti all'attacco | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
giovedì , 23 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Iran. Israele e Stati Uniti ormai sono pronti all’attacco

Diventano sempre più fitti gli incontri tra Usa e Israele su come e quando lanciare un attacco strategico contro gli impianti nucleari della Repubblica Islamica. 

Che l’attacco all’Iran ci sarà ormai è il “segreto di Pulcinella”, quello che non si sa è il quando. Ogni giorno che passa però siamo sempre più vicini all’ora X, che presumibilmente potrebbe arrivare nei prossimi mesi dato che Usa e Israele hanno cominciato a tenere discussioni sempre più stringenti sull’argomento. Dopo mesi in cui Israele ha fatto pressioni sulla Casa Bianca per intervenire riguardo a un supposto piano iraniano di procurarsi un’arma nucleare, una fonte anonima ha detto a Russia Today che i due alleati sarebbero finalmente vicini a strutturare l’intervento contro l’Iran. Nonostante questo nessun piano operativo sarebbe ancora stato messo nero su bianco, anche se la fonte sarebbe pronta a giurare che l’attacco avverrà dal cielo e sarà realizzato mediante l’utilizzo di bombardieri e droni nell’arco di meno di due ore. Ma mentre gli Stati Uniti non hanno ancora realizzato nessun piano, il coinvolgimento americano sarà comunque necessario per riuscire effettivamente a distruggere le strutture dove gli scienziati iraniani sono accusati di portare avanti un progetto bellico. In sostanza per annientare le strutture iraniane ci vorranno munizioni anti-bunker in una quantità che Israele da solo non sarebbe in grado di procurarsi. Non esiste al momento alcuna prova che Teheran voglia munirsi di armi nucleari, tuttavia Israele continua a sostenere che gli ufficiali iraniani stiano cercando di arricchire materiale nucleare per armare missili. Obama fino a questo momento ha cercato di calmare Israele per evitare l’escalation, ma alla recente assemblea delle Nazioni Unite ha dovuto ammettere che nel caso venga provato il tentativo di Teheran di costruire armi nucleari, gli Stati Uniti dovranno prendere provvedimenti. Chiaramente attaccare l’Iran rimescolerebbe anche le carte in Medio Oriente, permettendo agli Stati Uniti di guadagnare capacità di intervento e di influenza anche in Iraq, Siria e Libano, e soprattutto di lanciare un avvertimento ben chiaro a Mosca e Pechino. Dal conto suo la Repubblica Islamica ha ammesso candidamente di intendere colpire obiettivi americani ovunque e in qualsiasi momento nel caso dovesse subire un attacco per primo.

D.C.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top