Iraq. Oltre mille morti nell'ultimo meseTribuno del Popolo
mercoledì , 26 luglio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Iraq. Oltre mille morti nell’ultimo mese

Secondo uno studio dell’Onu sarebbero oltre mille i morti in Iraq nel solo mese di maggio, una sofferenza senza fine che rende l’ex paese di Saddam Hussein una polveriera.

Photopin

Sono 1045 i cittadini iracheni morti negli ultimi trenta giorni, e almeno 2.400 le persone rimaste ferite. Questo il bilancio divulgato dall’Onu che ha constatato un preoccupante aumento degli attacchi in Iraq, paese che stava lentamente cercando di tornare alla normalità dopo i conflitti settari seguiti alla cacciata di Saddam Hussein. Si tratta di un vero e proprio ritorno nel buio di Baghdad, che è tornata a vivere in un clima di guerra civile e di conflittualità a dir poco preoccupante. Le recenti violenze sono iniziate con le proteste a dicembre dei sunniti contro il governo sciita di Nouri al-Maliki, e in molti vedono un collegamento tra il rinfocolarsi delle tensione settarie in Iraq e quanto sta succedendo nella vicina Siria, dove il conflitto tra sunniti e sciiti negli ultimi due anni ha fatto registrare diverse migliaia di morti. In molti sono scontenti in Iraq perchè Baghad, dopo la cacciata di Saddam, non ha saputo in alcun modo garantire ai suoi cittadini un ritorno alla normalità. Le condizioni di lavoro e di vita sono peggiori rispetto al regime di Saddam, e anche le infrastrutture sono state completamente distrutte nel corso di anni di guerra. Perdipiù il governo centrale appare debole e non riesce a controllare tutte le aree di un Paese che, nelle sue aree periferiche, rischia di finire in mano a gruppi armati eterogenei e agguerriti. Come se non bastasse i guerriglieri curdi del Pkk sono arrivati nell’Iraq settentrionale dalla Turchia, complicando un quadro già difficile.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top