Israele è pronto a invadere la Siria, ma Damasco non cede | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
domenica , 22 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Israele è pronto a invadere la Siria, ma Damasco non cede

Inizialmente si era detto che il Cns (Consiglio Nazionale siriano) fosse pronto ad accettare una transizione con uomini di Assad al governo. Nel pomeriggio è arrivata la smentita ufficiale del Cns, e dunque si continua a combattere per le strade ad Aleppo. Intanto destano preoccupazione le armi chimiche di Damasco, ma il governo ha assicurato: “Le useremo solo se invasi”. E Israele sembra pronto a risolvere la questione da solo.

Inizialmente ci si era illusi potesse essere una svolta l’apertura del Cns a un governo di transizione con uomini di Assad al suo interno e uomini dell’opposizione. Poi però il Cns stesso ha negato, togliendo quindi ogni illusione; in Siria si continuerà a combattere fino alla sconfitta di una delle due parti. E mentre ogni manovra per costringere Assad alla resa naufraga, i media continuano a bombardare con notizie di una fine ormai prossima del regime, un film mandato in onda da oltre sei mesi. Secondo fonti dell’opposizione i ribelli avrebbero preso il controllo di alcune zone del centro di Aleppo, e nella città del Nord sarebbero ancora in corso pesanti combattimenti tra ribelli e forze armate siriane. Mentre Damasco è tornata sotto il controllo pressochè totale dell’esercito siriano, Turchia e Lega Araba hanno deciso di aumentare le  pressioni contro il governo siriano. La rivolta contro il presidente Bashar al-Assad “è più vicina che mai alla vittoria”, ha assicurato il premier turco, Recep Tayyip Erdogan, mentre il segretario generale della Lega Araba, Nabil al-Araby, ha ammonito che per l’uomo forte di Damasco i giorni “sono contati”. La situazione però sembra essere ben distante dalla realtà dal momento che Assad conta ancora sulla totale fedeltà dell’esercito e sul consenso di una parte rilevante della popolazione. In questo contesto fluido e preoccupante si inserisce l’ombra delle armi chimiche del regime, stoccate in alcune basi segrete siriane e sotto controllo dell’esercito. In molti hanno il timore che Assad, messo con le spalle al muro possa pensare di utilizzare i gas contro la popolazione civile, ma un portavoce del governo di Damasco ha subito smentito questa eventualità e ha assicurato che Damasco utilizzerà le armi chimiche solamente in caso di invasione esterna, invasione che si fa sempre più probabile con il passare delle ore. Oggi l’opposizione ha fatto sapere che “il regime siriano sta spostando le armi chimiche all’interno delle basi aeree poste nelle zone di confine della Siria“. La denuncia è stata diffusa come al solito dall’Esercito siriano libero e da Al-Jazeera, ma non esisterebbero ancora conferme. Secondo i ribelli, il regime di Damasco avrebbe deciso di spostare l’arsenale chimico in suo possesso nel tentativo di aumentare le pressioni sulla comunità internazionale. Ma ecco la “patata bollente”, Israele sarebbe pronto a invadere la Siria proprio per non correre il rischio di venire bersagliato con armi chimiche.Il ministro degli esteri israeliano, Avigdor Liberman, ha fatto chiaramente capire che se le armi chimiche dovessero finire in qualche modo nelle mani di Hezbollah, allora Israele dichiarerà guerra alla Siria. La sensazione è che più Assad deciderà di resistere, più la possibilità che Israele forzi la mano possa diventare concreta, con conseguenza potenzialmente distruttive per tutto il Medio Oriente, e non solo. Intanto le ingerenze straniere nella guerra civile siriana continuano senza sosta; è di oggi la notizia che in Turchia meridionale ora anche i britannici dell’agenzia di sicurezza MI6 starebbero procedendo all’addestramento dei ribelli siriani. Insomma la Siria sta diventando sempre di più il teatro di una guerra su larga scala sul punto di esplodere; nel caso infatti Israele attaccasse la Siria, a quel punto impedire che il conflitto si allarghi anche all’Iran diventerebbe impossibile.

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top