Israele. Nuove 1500 abitazioni nelle zone contese di Gerusalemme | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
mercoledì , 26 luglio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Israele. Nuove 1500 abitazioni nelle zone contese di Gerusalemme

Il ministero degli Interni israeliano ha approvato la costruzione di nuove 1500 case nei territori contesi di Gerusalemme. 

ISRAEL-PALESTINIAN-CONFLICT-SETTLEMENT

Il piano di espandere le abitazioni israeliane in località Ramat Shlomo era stato già presentato nel 2010 e inizialmente prevedeva kla costruzione di oltre 1700 case. Poi, le autorità israeliane dovettero sospendere ogni progetto dopo la visita di Joe Biden a Tel Aviv. Il recente annuncio arriva quindi poche settimane dopo che Israele, deluso dal successo palestinese nell’essere riconosciuto come Stato osservatore dalle Nazioni Unite alla fine di novembre, aveva appena autorizzato 3000 nuovi insediamenti a Gerusalemme e nella West Bank.In risposta a questo gesto molti stati europei avevano convocato gli ambasciatori israeliani per esprimere tutta la loro disapprovazione. Il ministro degli Interni Eli Yishai invece, ha comprensibilmente espresso soddisfazione per il piano, che deve però ancora essere discusso nel dettaglio.  La decisione era stata benvenuta anche da Yossi Deitch, sindaco di Gerusalemme, che secondo il giornale di Israel Hayom avrebbe dichiarato che questi nuovi insediamenti risolverebbero il problema della congestione residenziale all’interno della città. I media israeliani inoltre, nello stesso momento, hanno anche riportato che l’annuncio sarebbe stato fatto dopo aver sentito le obiezioni dei palestinesi residenti a Shoafat, il luogo dove dovrebbe avvenire l’espansione degli insediamenti. Secondo Haaretz il Comitato che si occupa della costruzione degli insediamenti avrebbe accettato di diminuire il numero di case da 1700 a 1500, ma non per rispetto dei palestinesi, bensì per preservare un vicino sito archeologico. Il comitato comunque starebbe anche per approvare un altro progetto per centinaia di case a Givat Hamatos, un territorio ebraico nel sud della città, che è a sua volta situato dall’altra parte della “Linea Verde”. Insomma la pace tra israeliani e palestinesi sembra essere ancora molto lontana..

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top