Israele. Tensione sul Golan con la Siria, Tel Aviv pronta a colpire | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
martedì , 24 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:
Israele. Tensione sul Golan con la Siria, Tel Aviv pronta a colpire

Israele. Tensione sul Golan con la Siria, Tel Aviv pronta a colpire

Israele risponderà immediatamente a ogni colpo sparato dai soldati siriani al confine sulle alture del Golan, lo ha chiarito il ministro della Difesa Moshe Yaalon. E intanto nelle scorse ore Israele ha risposto a un colpo sparato erroneamente dall’esercito siriano, ferendo due soldati. 

SIRIA:ACCORDO OPPOSIZIONI DOHA,PRIMI COLPI DA ISRAELE DAL '73

Ogni violazione della sovranità israeliana e ogni colpo sparato dal lato siriano troverà immediatamente una risposta nel silenziare l’origine del fuoco“, ha detto Yaloon ad Afp dopo che le truppe israeliane hanno sparato contro un’avamposto dell’esercito siriano. L’esercito israeliano ha sparato un missile anticarro a Tamuz, dopo che l’esercito siriano ha aperto il fuoco per la seconda volta nelle ultime dodici ore, almeno stando a quanto riportato da Ynet News. Almeno due soldati sono stati feriti dal lato siriano. La tensione lungo il confine è cresciuto sabato, quando alcuni colpi sparati dall’esercito siriano hanno colpito una jeep israeliana nelle alture del Golan, senza però provocare feriti. Rimane poco chiaro se i soldati siriani abbiano effettivamente mirato alla jeep, oppure se il colpo sia stato sparato accidentalmente durante gli scontri con i ribelli siriani. Negli ultimi mesi Israele ha deciso di rispondere ai colpi sporadici che arrivano dal lato siriano.

Tel Aviv è arrivata sulle alture del Golan a partire dalla Guerra dei Sei Giorni del 1967, e le ha annesse nel 1981, una mossa che non è mai stata riconosciuta dalla comunità internazionale. Attualmente Israele si sta adoperando per migliorare la sicurezza lungo il confine. Le tensioni tra Israele e Siria sono cresciute negli ultimi mesi, basti ricordare che alla fine di gennaio l’esercito israeliano ha colpito con un attacco aereo un centro di ricerche scientifiche non lontano da Damasco, violando peraltro lo spazio aereo libanese. Israele ha anche minacciato di essere pronto a lanciare un attacco preventivo contro la Siria qualora Assad perdesse il controllo delle sue armi chimiche, come ha spiegato il Primo Ministro Silvan Shalom. Come risposta all’attacco subito, i militari siriani hanno dispiegato diversi missili Scud  al confine con Israele.

VAI SULLA PAGINBA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top