Italia. E' allarme povertà, sono 9,5 milioniTribuno del Popolo
venerdì , 20 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:
Italia. E’ allarme povertà, sono 9,5 milioni

Italia. E’ allarme povertà, sono 9,5 milioni

Secondo l’Istat le persone in povertà assoluta in Italia sono passate dal 5,7% nel 2011 fino all’8% del 2012. Sarebbero 9 milioni e mezzo invece le persone in povertà relativa, pari al 15,8% della popolazione. 

Photo Credit

L’Italia un paese ricco? Forse in passato, oggi non è più così dati Istat alla mano. In meno di un anno l’incidenza della povertà assoluta in Italia è aumentata infatti dal 5,7% del 2011 all’8% nel 2012, un vero e proprio crollo, un record dal 2005 fotografato dal report “La povertà in Italia” secondo cui attualmente, in Italia, sarebbero oltre 9 milioni e mezzo le persone in povertà relativa, pari al 15,8% della popolazione.  Di questi, 4 milioni e 814 mila (8%) sono i poveri assoluti, cioè che non riescono ad acquistare beni e servizi essenziali per una vita dignitosa. A pagare il prezzo maggiore è, come al solito, proprio il Sud Italia. Nel 2012 quasi la metà dei poveri assoluti, ovvero 2 milioni e 347mila persone, risiedeva nel Mezzogiorno, quasi mezzo milione in più rispetto al 2011. Preoccupanti anche i dati sui minori e anziani: quelli in povertà assoluta al Sud sono 1 milione e 58 mila (703mila nel 2011, l’incidenza è salita dal 7% al 10,3%) e gli anziani 728 mila (707mila, l’incidenza è pari a 5,8% per entrambi gli anni). Anche osservando i nuclei familiari le cose non vanno meglio dal momento che le famiglie in questa situazione sono il 6,8% su scala nazionale. Dal 2011 al 2012 l’incidenza è infatti aumentata per quelle con tre, quattro e più componenti. Insomma più grandi sono le famiglie più è in aumento la povertà assoluta. Secondo la Coldiretti, nel 2012 sono aumentate del 9% le famiglie che hanno chiesto aiuto per mangiare. Con un totale di ben 3,7 milioni di persone assistite con pacchi alimentari e pasti gratuiti nelle mense. Insomma forse gli italiani dovrebbero cominciare a prendere contatto con la realtà, l’Italia non è più il Paese di qualche anno fa…

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top