Italia. Evasione fiscale: un buco da 500 miliardiTribuno del Popolo
lunedì , 18 dicembre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Italia. Evasione fiscale: un buco da 500 miliardi

Si parla di crisi, di austerity, di tagli, ma in Italia il buco nero dell’evasione fiscale negli ultimi 12 anni ha raggiunto 545,5 miliardi di euro.

Quando ci si trova nelle braccia di una crisi sistemica come questa è sempre superficiale e sbagliato cercare soluzioni facili e colpevoli da gettare in pasto all’opinione pubblica. Scorrendo però i dati resi noti nella relazione consegnata dal ministero dell’Economia alla Commissione Finanze della Camera, viene letteralmente la pelle d’oca. Da anni in Italia si parla del cancro dell’evasione fiscale, purtroppo alimentato da partiti come il Pdl che proprio sulla lotta alle tasse incentrano il loro programma politico. Non sorprende quindi che proprio l’evasione abbia raggiunto livelli da record. Dati alla mano infatti dal 2000 al 2012 sarebbero grazie alla lotta all’evasione stati emessi ruoli per 807,7 miliardi di euro. Peccato però che la somma effettivamente riscossa in questi 13 anni è di 69,1 miliardi di euro.Sempre dalla stessa relazione è emerso  che il carico dei ruoli da riscuotere ammonterebbe a 545,5 miliardi di euro (193,1 sono infatti oggetto di “sgravio totale”), ma di questa somma ben 107,2 miliardi riguarderebbero soggetti in fallimento. Nel totale del carico residuo, inoltre, 20,8 miliardi sono stati considerati “sospesi”. Tutto questo senza considerare i falliti dopo la consegna del ruolo come ad esempio i nullatenenti (chi dall’anagrafe tributaria non risulta avere nulla intestato e quindi equitalia non può fare alcuna azione esecutiva); i deceduti, chi ha attivato la rateazione e quindi sta pagando e chi l’ha attivata e non la sta più pagando perchè è in difficoltà. E poi? E poi ci sono ancora quelli che proprio non pagano, e non intendono farlo in nessun caso. E’ il caso delle cosiddette società cartiere, con gli amministratori che sono teste di legno ovvero dei soggetti nullatenenti che vengono appositamente messi a capo di società in modo da impedire poi il recupero di capitali da parte dello Stato.  Insomma non tutte le somme della lotta all’evasione possono essere effettivamente riscosse. Il dato totale effettivamente riscosso ammonterebbe a circa il 20%. La classificazione per categorie del carico residuo dei ruoli non riscossi, relativa ai 545,5 miliardi, vede 443,9 miliardi facenti capo all’Erario, 70,6 all’Inps, 7,1 all’Inail, 15,1 ai Comuni, 8,7 ad altri Enti. Insomma quando si dice che mancano i soldi..si sa anche perchè.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top