Italia. Una disoccupazione da "Incubo"Tribuno del Popolo
sabato , 22 luglio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Italia. Una disoccupazione da “Incubo”

Secondo i nuovi dati sulla disoccupazione la situazione in Italia è drammatica. Nei primi tre mesi del 2014 secondo l’Istat il tasso di disoccupazione è salito al 13,6%, un +0,8% rispetto all’anno precedente. Al Sud il 60,9% dei giovani non lavora.

Ormai la disoccupazione ha raggiunto in Italia i livelli del dramma sociale. Non è tanto questione di drammatizzare, ci pensano già i dati stessi diffusi dall’Istat, i peggiori di sempre visto e considerato che il tasso di disoccupazione relativo ai primi tre mesi del 2014 ha raggiunto il 13,6%, una cifra altissima, più alta di quasi un punto percentuale rispetto allo stesso periodo del 2013.Stiamo strisciando sul fondo, non raccontiamoci storielle” ha detto il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, facendo dunque capire come la situazione sia drammatica sotto tutti i punti di vista.  Forse è addirittura il periodo peggiore della storia della Repubblica per quanto riguarda la disoccupazione, lo è sicuramente per quanto riguarda la disoccupazione giovanile dal momento che il tasso dei senza lavoro tra i 15 e i 24 anni ha ormai raggiunto il 46% a livello nazionale, con un 60,9% del Sud che fa paura. In assoluto, i disoccupati sfiorano i 3,5 milioni, ben 200.000 in più rispetto all’anno scorso, ma oltre a loro ci sono anche centinaia di migliaia di italiani che pur non essendo disoccupati svolgono lavori part-time e saltuari. Susanna Camusso, leader della Cgil, ha commentato aspramente i dati definendoli gravi e proponendo di smetterla di proporre tagli per favorire invece crescita e lavoro. Nessuno però propone di affrontare di petto la questione Meridionale, una questione aggravata dal fatto che più di un giovane su due, al Sud, non ha lavoro. Solo nel mezzogiorno infatti sono 347.000 i ragazzi in cerca di lavoro, un dramma sociale immane che porta sempre più giovani ad andare all’estero in cerca di fortuna. In Europa invece il tasso di disoccupazione è leggermente sceso dello 0,1% nel mese di aprile (dall’11,8% all’11,7%), mentre un anno prima era al 12%. Secondo Eurostat infatti ad aprile c’erano 25,471 milioni di disoccupati di cui 18,751 milioni nell’Eurozona; rispetto a marzo i disoccupati sono 151.000 in meno nella Ue e 76.000 nell’Eurozona.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top