#JobsAct. Italia "Stai serena": disoccupazione +0,2% a marzoTribuno del Popolo
lunedì , 23 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:
#JobsAct. Italia “Stai serena”: disoccupazione +0,2% a marzo

#JobsAct. Italia “Stai serena”: disoccupazione +0,2% a marzo

A dispetto di proclami, annunci e ottimismo ostentato il tasso di disoccupazione è aumentato dello 0,2% attestandosi al 13%. A comunicarlo l’Istat che conferma quello che i giovani italiani provano già sulla loro pelle ma che un governo sempre più arrogante ignora. E solo Spagna e Grecia sono peggio di noi per quanto riguarda l’occupazione giovanile.

Il #JobsAct avrebbe fatto riprendere il Paese, dicevano, e in molti ci avevano creduto. Vuoi vedere che aveva ragione Gianni Letta che aveva parlato di Renzi come di un distributore di “metadone” agli italiani? Dopo tanto ottimismo però sono arrivati, inclementi, i meri dati che parlano di una disoccupazione in aumento a marzo dello 0,2% e che si attesta al 13%, il livello più alto dal novembre del 2014 (13,2%). E dire che il JobsAct con la sforbiciata di diritti e così via avrebbe dovuto rilanciare l’economia del Paese e soprattutto fare una iniezione di ottimismo. A comunicare i dati ci ha pensato l’Istat, che ha comunque precisato come la risalita della disoccupazione sia arrivata dopo i piccoli cali registrati a dicembre e gennaio e la lieve crescita di febbraio. Per non parlare della disoccupazione giovanile di marzo, attestatasi al 43%, una cifra spaventosa che fa segnare un aumento dello 0,3% rispetto a febbraio. In tutta Europa solamente Grecia, Spagna e Croazia fanno segnare una percentuale più alta di disoccupazione giovanile, segno di un vulnus enorme che il governo non sembra essere in grado di curare. Insomma non ci sembra proprio un buon modo per festeggiare il Primo Maggio, la festa dei lavoratori. E mentre il governo, trionfalistico, punta tutto sull’Expo, intere generazioni di giovani ormai si sentono completamente abbandonati dallo Stato e dal mondo del lavoro. Insomma l’Istat offre l’ennesimo quadro preoccupante, ma Renzi e soci continuano a ostentare ottimismo, un pò come faceva Berlusconi quando parlava dei ristoranti pieni.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top