Kuwait. Si infiammano le proteste contro il governo, scontri con la polizia | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
venerdì , 20 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Kuwait. Si infiammano le proteste contro il governo, scontri con la polizia

Violenti scontri si sono registrati a Kuwait City tra manifestanti e polizia a causa del piano per cambiare la legge elettorale del Paese. La polizia ha lanciato lacrimogeni e granate stordenti per disperdere il corteo.

Violenti scontri si sono registrati in Kuwait, nella capitale Kuwait City, dove centinaia di dimostranti sono scesi per le strade per protestare a gran voce contro il piano di cambiare la legge elettorale del Paese. I dimostranti tentavano di incontrarsi in tre punti differenti della città ma sono stati intercettati dalla polizia. Sono seguiti pesanti scontri tra la polizia antisommossa e i dimostranti e sono stati segnalati diversi arresti, incluso quello del leader islamista Waleed al-Tabtabai. I manifestanti intendevano convergere verso il Seif Palace, dove si trovano gli uffici dell’Emiro, del Principe della Corona e del primo ministro, in quella che gli organizzatori hanno chiamato “la più grande processione della storia del Kuwait“.  Centinaia di agenti di polizia sono stati dispiegati per tutta la città in previsione della marcia. L’opposizione al governo è in mano per larga parte agli islamici, i quali si oppongono ai cambiamenti della legge elettorale che pensano possa tarpare le ali al loro consenso prima delle elezioni del 1 dicembre. Gli islamici vorrebbero boicottare le elezioni e interpretano il cambiamento della legge elettorale come un vero e proprio golpe contro la Costituzione. Gli islamici del resto avevano ottenuto il controllo del parlamento nelle elezioni dello scorso febbraio, costringendo la famiglia regnante filo-occidentale a indire nuove elezioni per dicembre.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top