La Fiom in piazza per l'Ilva a GenovaTribuno del Popolo
martedì , 23 maggio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

La Fiom in piazza per l’Ilva a Genova

I lavoratori a Genova hanno occupato la fabbrica e realizzato un corteo per chiedere al governo di impegnarsi in una convocazione ufficiale per evitare che si metta in discussione l’accordo in programma e soprattutto per protestare contro la decisione di Renzi di smantellare il siderurgico. 

Erano almeno duecento i lavoratori dell’Ilva di Cornigliano, Genova, che hanno deciso di occupare la fabbrica e scendere in strada per manifestare il proprio dissenso nei confronti del governo Renzi, accusato di voler vendere il settore siderurgico. Per questo motivo il segretario generale della Fiom Cgil Genova, Bruno Manganaro, ha dichiarato che la fabbrica si trova in assemblea permanente. La Fiom e i lavoratori accusano il governo di voler vendere l’Ilva, compreso lo stabilimento ligure che ha siglato un accordo di programma che ora verrebbe ignorato realizzando quello che viene interpretato come un autentico “schiaffo” ai lavoratori, che ora hanno paura di perdere il posto di lavoro. Ci sono stati anche alcuni momenti di tensione quando i lavoratori hanno realizzato un blocco stradale in via Cornigliano dando fuoco ad alcuni copertoni, ma la sensazione è che i lavoratori siano determinati ad andare avanti visto che hanno paura di perdere tutto. Per questo motivo i lavoratori hanno preparato uno striscione dal significato inequivocabile “Pacta Servanda Sunt”, alludendo appunto al fatto che i patti vadano rispettati da parte del governo. “Abbiamo deciso di uscire perchè il governo sta mettendo in discussione l’Accordo di programma. L’incontro a Roma è un imbroglio, sarebbe solo un vertice con i tecnici e questa è una trappola..” ha detto Manganaro.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top