La globalizzazione produce ingiustizie sociali. Lo ammette anche la Banca MondialeTribuno del Popolo
martedì , 17 ottobre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

La globalizzazione produce ingiustizie sociali. Lo ammette anche la Banca Mondiale

 

Secondo un documento della Banca Mondiale ripreso anche dalla BBC la globalizzazione e la crescita del libero mercato avrebbero avuto un effetto negativo su tutte le economie sviluppate. E viene da pensare che fosse proprio questo il progetto di chi l’ha cavalcata per anni, ovvero aumentare le diseguaglianze su scala globale.

Da quando l’esperimento del blocco socialista è crollato il capitalismo neoliberista ha potuto plasmare il mondo a piacimento sulla base delle promesse di espandere il benessere per tutti. Ora ad ammettere il fallimento della globalizzazione come creazione di benessere per tutti è la stessa Banca Mondiale che ha pubblicato un documento riportato anche dalla BBC in cui parla del fatto di come la crescita del libero mercato abbia in realtà portato solo a un aumento dell’ineguaglianza di reddito. Secondo tale documento redatto dagli economisti della Banca Mondiale il commercio avrebbe giocato un ruolo molto forte nel creare lavoro “e nel contribuire a far crescere i guadagni nelle economie avanzate”, peccato che recenti prove abbiano dimostrato come negli ultimi anni sia aumentata esponenzialmente l’ineguaglianza a tutti i livelli. Insomma senza welfare il capitalismo sembra essere destinato solo a mostrare il suo vero volto, un volto che non promette nulla di buono per milioni di persone, semplicemente escluse dal benessere. Un recente rapporto del Boston Consulting Group Global Wealth risalente a giugno suggeriva infatti che i miliardari nel giro di poco tempo finiranno per controllare più della metà della ricchezza mondiale. Andando nel dettaglio secondo il rapporto i milionari che nel 2010 controllavano il 20% delle ricchezze americane arriveranno a controllarne il 29% nel 2020, sottolineando come questo sistema sia letteralmente un sogno per le classi abbienti che potranno aumentare il loro patrimonio a detrimento di tutti gli altri.

Fonte: RT

Tribuno del Popolo

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top