La moneta per ricostruire un imperoTribuno del Popolo
venerdì , 9 dicembre 2016
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:
La moneta per ricostruire un impero

La moneta per ricostruire un impero

Nell’incontro di marzo tra i presidenti di Russia, Kazakistan e Bielorussia svoltosi ad Astana, Putin ha lanciato la proposta di un unione monetaria tra i tre paesi. E’ evidente come questo passaggio sia ineludibile se si vuole ricostruire uno spazio comune tra i maggiori paesi ex sovietici, anche per ancorarli in maniera forte a Mosca ed evitare che la Nato e l’Unione Europea tentino qualche “rivoluzione colorata” al fine di portare il Kazakistan e la Bielorussia nella loro sfera di influenza.

Immediatamente è sorta la polemica tra gli osservatori e gli analisti se questa ipotesi possa essere percorribile o se risulterà irta di difficoltà come si sta dimostrando l’Unione Monetaria dei paesi della UE. A mio modesto avviso il paragone tra l’Unione monetaria dello spazio ex Sovietico è quella della UE è totalmente infondato.
L’Euro è l’unione monetaria tra paesi che mai hanno avuto una moneta unica tra loro, che mai hanno avuto una lingua, una cultura comune e sistemi giuridici simili. L’unione monetaria “euroasiatica” proposta è un unione tra paesi facenti parte di un area monetaria omogenea naturale, per lingua, cultura, ordinamento giuridico e storia. E’ a ben vedere la cosa più normale del mondo: i lavoratori possono spostarsi liberamente (e già lo fanno) all’interno dei tre paesi senza particolari difficoltà perché parlano una  lingua comune, il russo. Non è necessario neanche chissà quale particolare aggiustamento dell’infrastruttura giuridica: le leggi vigenti e le istituzioni sono di origine zarista e sovietica. Non parliamo poi del fatto che per secoli queste tre nazioni hanno avuto la stessa moneta: prima quella zarista e poi quella sovietica. Hanno monete diverse solo da 20 anni. In realtà Putin vuole porre rimedio ad una situazione ora innaturale a causa del crollo dell’URSS ritornando a quello che è stato per secoli, mentre l’Unione monetaria europea è la creazione di una situazione innaturale che unisce ciò che da sempre è diviso per cultura, lingua e ordinamento giuridico e istituzionale.

Basta porsi due facili domande per comprendere che parliamo di cose totalmente opposte. Cos’hanno in comune Grecia e Irlanda oppure Portogallo e Finlandia? Nulla tranne la moneta. Mentre, cos’hanno di diverso la Russia e il Kazakistan e la Bielorussia? Nulla, tranne che hanno diverse monete.

Fonte: Zeroconsensus

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top