La Siria fa aumentare il prezzo del petrolioTribuno del Popolo
martedì , 28 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

La Siria fa aumentare il prezzo del petrolio

 

I venti di guerra in Medio Oriente rischiano di far decollare il prezzo del petrolio.

photo Credit

Guerra in Medio Oriente? preparate il portafogli, alla fine il risultato è sempre uguale: un aumento vertiginoso del prezzo del greggio.  La Siria aveva una produzione petrolifera minima, una frazione infinitesima della produzione globale. E non possiede riserve particolarmente appetibili. Allora perchè questa impennata? Semplice, il probabile effetto domino che potrebbe scaturire proprio da Damasco all’indomani dell’attacco da parte americana. I mercati hanno paura del rischio e ci potrebbero quindi essere seri di problemi nella continuità dei rifornimenti verso i paesi più industrializzati. Ci sarà poi la speculazione, inevitabile in questi casi, che contribuirà a un vero e proprio decollo dei prezzi. Nella notte il West Texas Intermediate (Wti) con consegna a ottobre è salito sopra quota 112 dollari al barile, il massimo da maggio 2011. Anche le quotazioni del Brent (sempre con consegna a ottobre) hanno preso il volo, superando i 115 dollari al barile. Secondo diverse società che sfornano analisi in tempo reale, l’annuncio di una guerra ad Assad potrebbe far salire ancora le quotazioni di 5-10 dollari, per arrivare anche a quota 150 dollari in caso di interruzione degli approvvigionamenti, come accaduto in Iraq. Anche l’oro però prosegue la sua corsa verso l’alto, risalendo a quota 1400 dollari all’oncia.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top