Landini: "Pronto a occupare le fabbriche per difendere il lavoro"Tribuno del Popolo
mercoledì , 18 ottobre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Landini: “Pronto a occupare le fabbriche per difendere il lavoro”

Maurizio Landini, segretario generale della Fiom, ha detto ai microfoni di Agorà su Raitre di essere pronto a “occupare le fabbriche se è per difendere il lavoro” a commento della notizia dell’aggressione ai due manager da parte dei dipendenti dell’Air France esasperati dalla minaccia di 3000 licenziamenti. 

Non si sentiva da molto tempo qualcuno parlare di “occupare le fabbriche”, per questo fa ancora più scalpore quanto dichiarato dal segretario della Fiom, Maurizio Landini, nel corso della trasmissione “Agorà” su Raitre. Landini ha voluto commentare la vicenda dell’Air France, dove i dipendenti esasperati dall’annuncio da parte della società di circa 3000 esuberi, hanno letteralmente preso d’assalto i due manager. Anche per questo Landini ha detto chiaramente di essere pronto anche ad occupare le fabbriche pur di difendere il lavoro: “per difendere posti di lavoro e crearne di nuovi siamo pronti ad utilizzare, democraticamente come abbiamo sempre dimostrato, determinate azioni”.

Anche un anno fa Landini aveva evocato lo spettro delle occupazioni delle fabbriche a margine del corteo di Milano contro il vertice Ue sul lavoro cui presero parte tutti i capi di Stato dei vari paesi dell’Ue. E anche nel settembre 2013 il sindacalista nel corso dell’assemblea per la Difesa della Costituzione con Rodotà aveva lanciato un appello analogo.

Anche per questo Paolo Sabatini, dell’Esecutivo Nazionale USB (Unione Sindacale di Base), ha voluto dire la sua, facendo anche un appello a Landini di realizzare le proprie parole: “Landini si dichiara pronto ad occupare le fabbriche in certe condizioni e per difendere il lavoro. Siamo d’accordo ma basta con le roboanti enunciazioni in televisione che poi non vengono mai seguite da fatti concreti. Landini, poi,  provi ad occupare una fabbrica e poi vedremo ciò che farà Camusso”. E ancora: “Il segretario generale della Fiom si preoccupi anche di ciò che la sua Cgil, insieme a Cisl e Uil, sta valutando sul tema della contrattazione insieme a Confindustria e Governo e di cosa si prepara contro il diritto di sciopero. Detto questo, siamo pronti ad azioni sempre più determinate a livello sindacale e, se Landini è d’accordo, allora ci faccia un colpo di telefono, a telecamere spente”.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top