L'Argentina denuncia gli Usa al tribunale dell'Aia sulla vicenda degli "Hedge Fund"Tribuno del Popolo
mercoledì , 24 maggio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

L’Argentina denuncia gli Usa al tribunale dell’Aia sulla vicenda degli “Hedge Fund”

Buenos Aires non si rassegna alla situazione drammatica legata agli “hedge fund” e alla questione del default 2.0 e ha deciso di coinvolgere denunciare il governo degli Usa presso la Corte internazionale di giustizia con l’accusa che le decisioni della sua giustizia violano la sovranità dell’Argentina. 

La questione dell’economia dell’Argentina è ancora in alto mare. Abbiamo già parlato della vicenda degli “hedge fund” e degli avvoltoi che hanno letteralmente strozzato Buenos Aires portandola in una situazione senza uscita. Ora però Buenos Aires ha deciso di reagire e di coinvolgere il governo Usa nella vicenda aperta dalla sentenza del giudice Thomas Griesa, e ha denunciato ieri gli Stati Uniti presso la Corte internazionale di giustizia con l’accusa di aver violato la sovranità del paese sudamericano. Come ammesso dalla stessa Corte Internazionale di giustizia il governo di Buenos Aires ha formalizzato la sua denuncia contro la Casa Bianca sostenendo che decisioni giudiziarie adottata da tribunali Usa riguardo la ristrutturazione del debito pubblico” avrebbero costituito “violazioni della sovranità argentina e altre immunità“. Si tratta quindi dell’ennesimo ricorso di Buenos Aires contro la sentenza del giudice Griesa, confermata in appello dalla Corte Suprema, e che ha imposto al paese sudamericano di pagare circa 1,6 miliardi di dollari ai “fondi avvoltoio” che non hanno voluto accettare gli swap del 2005 e 2010 sui cosiddetti “tango bond”. Tutto questo ha portato il Paese a un default sui pagamenti ai detentori di titoli  che hanno accettato il concambio, Del resto proprio il giudice aveva bloccato i fondi depositati dal governo argentino presso una banca Usa per pagare le cedole sui nuovi bond, stabilendo che prima di rimborsare i risparmiatori che hanno accettato il concambio Buenos Aires avrebbe dovuto prima saldare gli hedge fund che hanno in mano i titolo del vecchio debito. Insomma secondo molti sarebbe una sorta di lama puntata alla gola dell’Argentina da parte di un piccolo di fondi che fanno gli interessi di un altro governo, non certo di quello argentino. Secondo molti però il ricorso argentino non servirà a nulla dal momento che gli Stati Uniti non accetteranno la giurisdizione del tribunale dell’Aia. A Buenos Aires però non si perdono d’animo dal momento che ritengono che dietro tutta la questione ci sia proprio lo zampino di Washington, ed è per questo che vogliono coinvolgere gli Usa nella faccenda. In sostanza un giudice municipale ha bloccato i pagamenti di un paese intero, mettendo quindi in ridicolo la sovranità dell’Argentina. Gli Stati Uniti possono fare gli gnorri, ma c’è un loro giudice che vuole sequestrare qualcosa che non appartiene, ma ai detentori di titoli ristrutturati“, ha sottolineato Kicillof, ministro dell’Economia  secondo il quale “non è possibile che non si possano porre limiti a questo magistrato“.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top