Lavori in corso a Sinistra. Prove di unitàTribuno del Popolo
mercoledì , 20 settembre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Lavori in corso a Sinistra. Prove di unità

La sinistra non è solo il Pd. Dopo anni di divisioni e fallimenti, e dopo il vicolo cieco che sembra aver intrapreso Sel con Niki Vendola, ecco da Roma un nuovo tentativo di unire la sinistra. 

A Roma nella giornata di sabato si è tenuta una interessantissima assemblea chiamata “Lavori in corso a Sinistra”, e con un sottotitolo ancora più interessante: “Unire e rinnovare la sinistra, Unire i comunisti, Dare rappresentanza politica al mondo del lavoro”. Una assemblea aperta tenutasi nel centro congressi Cavour e introdotta da Claudio Grassi del Prc. Al dibattito, partecipato e seguito anche in diretta streaming, hanno partecipato anche gli esponenti dei Comunisti Italiani, per i quali ha parlato il segretario Procaccini, Alba, Azione Civile, Fiom, Cgil, Mov.Partito del Lavoro, e Sel. Molta dunque la carne al fuoco dal momento che è stata l’occasione per un confronto proficuo fra le diverse compagini che, per diversi motivi, si sono trovate marginalizzate dalla politica che conta negli ultimi anni. Anche Sel, che sembrava essere il partito dominante della cosiddetta sinistra radicale o di alternativa, sembra essersi arenato nelle secche del politicismo, incapace di dirimere la questione se terminare la propria parabola politica all’interno del Pd, oppure se prendere una decisione di coraggio e contribuire alla costruzione di una nuova, vera, sinistra. Sullo sfondo ci sono le elezioni Europee, con una sinistra di alternativa che sta perlomeno provando ad analizzare la proposta di una candidatura di Alexis Tsipiras, il leader della greca Syriza, una candidatura che non soddisfa Niki Vendola, il quale parla grottescamente di una “terza via” a metà tra il Pse di Shultz e Tsipiras, una via che al momento conosce solo lui e sembra solo una trovata sterile per evitare di prendere decisioni.

18gennaio

Nel momento più basso mai registrato in Italia dal 1991 per i comunisti e la sinistra di alternativa, finalmente ci si siede dunque a confrontarsi per provare a rilanciare una proposta politica degna di questo nome e capace di fare uscire dall’angolo idee e valori di cui ci sarebbe un disperato bisogno. A questa assemblea Rifondazione Comunista è arrivata avendo appena concluso il suo Congresso, un congresso che ha confermato Paolo Ferrero come segretario nonostante l’andamento fallimentare delle ultime vicende politiche. “Essere Comunisti”, che ha organizzato l’Assemblea, ha criticato il mancato cambiamento all’interno del Prc, incapace di rinnovare il gruppo dirigente. Dall’altra parte i Comunisti Italiani hanno visto dopo il tracollo di Rivoluzione Civile le dimissioni di Oliviero Diliberto e cominciare la nuova era Procaccini, con il Pdci che almeno a parole si è speso subito per partecipare a quest’Assemblea e per impostare un lavoro volto anche al superamento della situazione attuale per la costruzione di un nuovo soggetto adeguato a rappresentare le istanze dei comunisti nel XXI secolo.

Nella sua relazione Claudio Grassi ha respinto però ogni ipotesi di scissione interna al Prc, anteponendo però a ogni lotta interna lo spettro reale dell’estinzione, con la constatazione del lento ma inesorabile abbandono di militanti che ogni anno non hanno più rinnovato la tessera dei rispettivi partiti comunisti e di sinistra. Da qui la proposta, accolta da tutte le forze che hanno partecipato all’Assemblea, a individuare uno sbocco politico per il futuro per riuscire a tramutare in realtà il progetto comune della sinistra che si vorrebbe costruire. In sostanza si cercherà di lavorare per una aggregazione di partiti, movimenti, persone che di fronte a un Pd sempre meno attrattivo e di sinistra voglia provare a costruire un qualcosa che peraltro nel resto ell’Europa esiste già. ovvero un punto di riferimento politico realmente a sinistra capace di fare da sponda al mondo del lavoro e anche a lottare per i diritti dei lavoratori. Altro nodo individuato dagli interventi all’Assemblea è la necessità dello svecchiamento dei gruppi dirigenti dei partiti della sinistra radicale, ormai ingessati e congelati da troppo tempo e incapaci di imprimere svolte moderne e propulsive. Da qui la vera ipotesi politico sul tavolo, la costruzione di un nuovo soggetto politico non tanto di un nuovo partito tout court, una aggregazione della sinistra sulla falsariga di quanto successo in Europa, vedi l‘Izquierda Unida in Spagna o la Linke in Germania, o Syriza in Grecia, una sinistra che permetta ai vari partiti che riconoscono non tanto la necessità elettorale di mettersi insieme, ma la necessità politica di trovare un modo per uscire dall’angolo e tornare a fare davvero politica. Un processo che infine completi un processo che a noi del Tribuno sta particolarmente a cuore, ovvero il processo di unità dei comunisti, da troppo tempo divisi in stupidi steccati in una situazione drammatica e senza via d’uscita. Da qui la proposta dell’Assemblea, condivisa dal Pdci, di costruire un nuovo percorso di unificazione a ogni livello con le strutture comuniste esistenti nei territori, partendo dal presupposto che uniti si è comunque insufficienti, ma che divisi si è ridicoli, una idea questa condivisa anche da Grassi e da consistenti pezzi del Prc.

Insomma finalmente qualcosa di interessante a sinistra, anche se occorre, come al solito, non cadere in facili entusiasmi. Molta della partita si giocherà in vista delle Europee, stando a vedere cosa succederà in Sel, sempre più dilaniato tra la frattura morale tra coloro i quali, vedendo preclusa ogni via a sinistra, sono disposti al “grande salto” nel Pd, e coloro i quali invece non intendono avere niente a che fare con una sinistra egemonizzata da Matteo Renzi. Un redde rationem all’interno di Sel che si trova quindi a un binario morto dopo che nel 2008 aveva effettuato la scissione da Rifondazione proponendo la costruzione di una sinistra moderna priva di feticismi..una sinistra che sei anni dopo rischia tragicamente di tracimare nel centro.

Gracchus Babeuf

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top