Le mani nere di Le Pen sulla FranciaTribuno del Popolo
lunedì , 23 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:
Le mani nere di Le Pen sulla Francia

Le mani nere di Le Pen sulla Francia

L’Europa può ufficialmente spaventarsi: la destra estrema avanza anche in Francia con Laurent Lopez  del Frante Nazionale che si è aggiudicato il ballottaggio delle elezioni locali di Brignoles, non lontano da Marsiglia. E la Le Pen ha già fatto sapere che in caso di vittoria all’Eliseo farà uscire Parigi dall’Ue.

La destra fa paura in tutta Europa, soprattutto in Francia però, dove il Front National di Marine Le Pen ormai, purtroppo, rappresenta una realtà. Nel ballottaggio delle elezioni locali di Brignoles (nel sud del Paese), ex roccaforte della sinistra, la candidata della destra Ump Catherine Delzers, al ballottaggio , ha riconosciuto la vittoria dell’avversario Laurent Lopez (Fronte Nazionale, il partito di Marine Le Pen). Laurent Lopez ha raccolto 5.031 voti, il 53,9% contro i 4.301 di Catherine Delzers (Ump, 46,1%); una vittoria che permette al Fn di proporsi come un riferimento a livello nazionale. Lopez (Fn) era arrivato in testa domenica scorsa con il 40,4% dei voti, e oggi ne ha trovato un altro 14%, mentre la Delzers (20.8% al primo turno), è arrivata solo al 46% anche grazie alla partecipazione, nettamente in aumento (45,26% oggi contro il 33,40% di domenica scorsa). Insomma la sinistra francese sembra ormai avere le ossa rotte, con Hollande che ha deluso un pò tutti e oggi è stato duramente punito dai sondaggi che invece premiano proprio la Le Pen. La cosa drammatica è che il Fronte Nazionale è in ascesa dei sondaggi, al punto che alcuni siti lo danno addirittura come primo partito in vista delle elezioni europee di maggio. L’unico problema del Fn è che va forte, anzi fortissimo, nella regione di Lille e nel sud-est, mentre in altre regioni non riesce nemmeno a trovare i candidati per le liste. E intanto Marine Le Pen ha fatto sapere che se dovesse salire lei all’Eliseo farebbe in modo di far uscire Parigi dall’Ue. Un programma, quello del Fn, che fa paura ed elenca la solita grottesca lista di nemici dell’estrema destra: gli immigrati, l’euro, la globalizzazione. Ovviamente le proposte sono sempre le stesse: “l’addio all’euro, il patriottismo economico e la superiorità del diritto nazionale sulle direttive europee“. Le solite proposte inutili, demagogiche e che non tengono conto della realtà. E non a caso Le Pen ammicca a Grillo quando dice di voler sottoporre in Francia un referendum per chiedere l’uscita dall’Ue: Tutt’altro. Se entro un anno non otterremo soddisfazione su questi punti allora promuoveremo in Francia un referendum per chiedere l’uscita dall’Unione europea. Sono convinta che i cittadini saranno d’accordo con me: la maggioranza dei miei compatrioti non vuole morire in questo magma informe chiamato Europa“. Agghiacciante poi la sua posizione sull’immigrazione: “L’Europa deve scoraggiare i viaggi della disperazione. Dobbiamo dire a questi poveretti che non abbiamo più niente da offrire“. Forse Le Pen non capisce, o non vuole capire, che i cittadini che fuggono dalla fame e dalla morte sono esseri umani, e come tali meriterebbero la solidarietà ancor più che non è certo questa solidarietà ad aver determinato la crisi.

photo credit: <a href=”http://www.flickr.com/photos/davidoranje/7157035164/”>David Oranje</a> via <a href=”http://photopin.com”>photopin</a> <a href=”http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/”>cc</a>

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top