Libia. A un passo dalla secessione della Cirenaica | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
sabato , 16 dicembre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Libia. A un passo dalla secessione della Cirenaica

Libia nel caos. Non bastavano le violenze di Bani Walid e le tentazioni di ritornare al passato, oggi il nuovo governo di Tripoli deve anche guardarsi dalle pulsioni autonomiste della Cirenaica.

Sono più di un migliaio i libici che sono scesi in piazza nelle scorse ore per le strade della città simbolo dell’insurrezione contro Gheddafi, Bengasi. I manifestanti chiedevano a gran voce la divisione della Libia, accusando il governo di Tripoli di fare gli interessi delle potenze straniere. Sono molti infatti a Bengasi coloro che vorrebbero la Cirenaica diventasse una nazione a sè, staccandosi dalla Libia. La Cirenaica è bagnata a nord dal mar Mediterraneo, e a sud confina con il Ciad, avendo al suo interno circa i 3/4 del totale delle riserve petrolifere del Paese. Gli attivisti vorrebbero che Bengasi diventasse la capitale economica del Paese, ospitando così la banca centrale e i ministeri delle finanze. In realtà i manifestanti separatisti hanno rilasciato una dichiarazione ufficiale secondo cui vorrebbero continuare a supportare il governo eletto al fine di buttar giù una Costituzione sulla base di quella del 1951. Nel 1951 infatti, il Paese fu diviso in tre diverse zone amministrative: la Tripolitania,il Fezzan e la Cirenaica. Il movimento federalista sostiene che sotto il governo di Gheddafi tale autonomia non sarebbe stata rispettata, e per questo ora pretendono una nuova Costituzione. Ora il rischio grosso per la Libia è proprio quello della frammentazione. Nonostante la creazione di un nuovo governo infatti, la Libia è indebolita da scontri tra tribù, e tra milizie pro e contro Gheddafi, con il governo che fatica sempre di più a tenere insiemei pezzi.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top