Libia. Ancora una tragedia del mare: 54 migranti morti | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
mercoledì , 26 luglio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Libia. Ancora una tragedia del mare: 54 migranti morti

L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha informato che ben 54 migranti sarebbero morti in mare quando ormai si trovavano a poche miglia dalle coste italiane. Si tratta dell’ennesima tragedia del mare che colpisce i migranti che cercano di raggiungere l’Europa.

Erano 55 i migranti che hanno deciso, a bordo di un gommone, di tentare la fortuna e di raggiungere le coste italiane. Un viaggio incubo durato oltre due settimane, sotto un sole inclemente che ben presto ha fatto finire loro tutte le scorte di acqua. Alla fine di quei 55 migranti se n’è salvato solamente uno, raccolto dalla Guardia Costiera tunisina aggrappato a una tanica, l’unico sopravvissuto dell’ennesima tragedia nei mari del Mediterraneo.  L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati  (UNHCR) ha diffuso la notizia cercando anche di ricostruire quanto successo. Dopo aver sentito il superstite infatti, si è compreso che il gommone è partito esattamente 15 giorni fa dalla Libia, e che le persone a bordo erano quasi tutte eritree, e somale. La tragedia del gommone ha comunque il sapore della beffa dal momento che dopo nemmeno un giorno di navigazione ce l’avevano fatta a raggiungere le coste siciliane, ma i forti venti li avevano riportati a largo, firmando la condanna a morte per tutti e 54 i migranti. Alla fine se n’è salvato solamente uno, un cittadino eritreo trascinato dalle correnti fino in Tunisia, dove la guardia costiera lo ha raccolto e trasportato immediatamente all’ospedale di Zarzis, dove è stato ricoverato per assideramento e disidratazione. Secondo le prime ricostruzioni dell’ UNHCR il gommone sarebbe partito da Tripoli a fine giugno.Secondo l’unico sopravvissuto quasi tutti sarebbero morti l’uno dopo l’altro a causa della disidratazione. La situazione del Mediterraneo comunque, secondo l’UNHCR, sarebbe a dir poco drammatica dal momento dall’inizio del 2012 a oggi sarebbero già 1400 le persone giunte via mare dalla Libia in Italia, per non parlare di quelli che non ce l’hanno fatta. Attualmente un’imbarcazione con a bordo 50  fra eritrei e somali si trova ancora in mare aperto dopo che ieri i passeggeri hanno rifiutato il soccorso delle Forze Armate Maltesi. Nel 2012 fino ad ora sono giunte a Malta circa 1.000 persone, in 14 sbarchi. Altre due imbarcazioni sono state intercettate dai maltesi ma hanno continuato il loro viaggio verso l’Italia.  L’UNHCR stima che quest’anno siano circa 170 le persone morte o disperse in mare nel tentativo di giungere in Europa dalla Libia, cui vanno purtroppo aggiunte le 54 vittime dell’ultimo viaggio della speranza finito in tragedia.

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top