Libia. Jibril in vantaggio sui Fratelli musulmani | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
lunedì , 29 maggio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Libia. Jibril in vantaggio sui Fratelli musulmani

I risultati definitivi arriveranno prima del 20 luglio in Libia, ma per il momento è la coalizione di Mahmoud Jibril, ex premier del Cnt, la più accreditata alla vittoria finale. 

Per i risultati definitivi bisognerà attendere prima dell’inizio del Ramadan (il 20 luglio), ma è già possibile tracciare qualche bilancio parziale delle prime elezioni democratiche nel Paese del dopo-Gheddafi. La coalizione del’ex presidente del Cnt, Mahmoud Jibril, sarebbe in netto vantaggio e avrebbe già conseguito una schiacciante vittoria in due circoscrizioni dell’ovest.  In base ai risultati parziali forniti dall’Alta Commissione elettorale libica, l’Alleanza delle forze nazionali dell’ex premier del Cnt ha ottenuto a Janzour, nella periferia di Tripoli, 26.798 voti contro i 2.423 del Partito Giustizia e Costruzione (Pgc), braccio politico dei Fratelli Musulmani, giunto secondo. Risultati senza appello anche a Zlitan, vicino a Misurata, con 19.273 preferenze per l’Alleanza contro le 5.626 per i Fratelli musulmani, dopo lo scrutinio del 74% dei voti.  Per il momento dunque sarebbe la coalizione dei moderati quella a prevalere sugli islamici, una vittoria quella di Jibril che sarebbe arrivata grazie a elezioni ritenute dalla comunità internazionale un autentico successo. Gli unici problemi si sono registrati in Cirenaica, dove alcune centinaia di persone hanno cercato di boicottare le elezioni. La Ue ha comunque definito le elezioni come “pluraliste, gestite in maniera efficiente e nel complesso pacifiche”, anche se esistono consistenti sacche nel Paese che non si riconoscono assolutamente nè nella coalizione islamica nè nella coalizione moderata di Jibril. Ora la Libia trattiene il fiato in vista dei risultati ufficiali, e secondo gli analisti si potrebbe andare verso l’ipotesi di un governo di coalizione tra Jibril e gli islamici. Il Paese ha bisogno in fretta di sicurezza e stabilità dal momento che la Libia è ancora in mano a diverse bande armate rivali tra loro, e che il rischio di un ritorno all’anarchia è sempre dietro l’angolo.

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top